Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

© Fondazione Cosso

© Fondazione Cosso

© Fondazione Cosso

© Fondazione Cosso

© Fondazione Cosso

© Fondazione Cosso

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Fondazione Cosso

Piemonte

Castello di Miradolo

San Secondo di Pinerolo, Torino

Giardino paesaggistico
Caccia al Tesoro Grandi Giardini Italiani
Dove mangiare
Eco friendly
Parcheggio
Parzialmente accessibile ai disabili
Pet Friendly

Come arrivare

In auto
Dalla tangenziale di Torino imboccare l'Autostrada del Pinerolese.
Al termine dell'autostrada proseguire su SR23 in direzione Sestriere fino all'uscita per San Secondo di Pinerolo. Alla rotonda seguire a destra le indicazioni per il Castello di Miradolo che dista 500 metri circa.

In treno
Dalla stazione di Torino Porta Nuova FS Linea 275 o 703 per Pinerolo
Dalla stazione ferroviaria di Pinerolo bus linea sub urbana 704, gestita dall'Azienda Cavourese

In taxi
Per il servizio taxi per il Castello di Miradolo, rivolgersi al sig. Bertello (333 7266610).
Per assicurarsi la disponibilità, prenotare il servizio in anticipo.
Servizio in orario diurno (dalle ore 9 alle ore 18:30).

Parcheggio
Possibilità di parcheggio con posti auto riservati ai disabili.

5 anime per una storia unica

La Fondazione Cosso nasce da un'idea di Maria Luisa Cosso Eynard e della figlia Paola, che nel 2008 realizzano il desiderio di trasmettere interesse per la cultura, il territorio in cui si vive e la realizzazione di se stessi. Così il Castello di Miradolo e il suo Parco, a San Secondo di Pinerolo (To), si trasformano negli anni in un centro di ricerca e sperimentazione nel campo dell'arte, della musica e della natura, diventando un riferimento per il territorio e per le famiglie e un punto di interesse turistico.

Le numerose collaborazioni attivate con scuole, cooperative sociali e i centri diurni sono pensate per promuove la tutela della bellezza e per costruire insieme un nuovo senso di responsabilità e salvaguardia del bene comune.

Cenni storici

Il Castello di Miradolo sorge nel pinerolese, all'imbocco della Val Chisone e della Val Pellice. Dal 2008 è sede della Fondazione Cosso, che si è occupata del suo recupero, trasformandolo in un polo culturale.
Un parco di oltre 6 ettari circonda l'antica dimora della famiglia Cacherano di Bricherasio: organizzato intorno a un'imponente radura centrale, è uno splendido esempio di giardino all'inglese in cui le linee sinuose dei contorni, le macchie arboree caratterizzate da una notevole varietà di tessiture, colori e forme, la presenza di un antico sistema di canali, sono segni inconfutabili dello stile romantico.

Il parco accoglie alberi maestosi e centenari, tra cui 5 esemplari monumentali, e numerose specie esotiche. Un bosco di bambù giganti incanta per il suo fascino.
La camelia è uno dei fiori rappresentativi del parco e a Miradolo si conservano ancora oggi camelie centenarie introdotte nell'Ottocento cui, nel 2019, si sono aggiunti oltre 130 giovani esemplari nell'ambito di un importante progetto di recupero e valorizzazione denominato “Invito al parco – Il Camelieto”.

Un orto di oltre 500 mq è rinato nel 2021 per volontà della Fondazione Cosso. L'orto ha forma circolare: armonioso, chiuso, protetto. Affaccia sulla corte rustica e ne completa l'originaria vocazione agricola insieme alla cascina con stalla, fienile, forno, pollaio e lavatoio.
Le bellezze botaniche del Parco e la ricchezza della natura sono raccontate ai visitatori in ogni momento dell'anno, nelle quattro stagioni, per promuovere la cultura del verde e una nuova consapevolezza delle tematiche ambientali: la Fondazione Cosso idea e organizza mostre, concerti, attività didattiche e formative, incontri, convegni e presentazioni di libri, in dialogo con il territorio.

Un imponente progetto di restauro ha recentemente coinvolto gli spazi della corte aulica del Castello e la zona antistante la Serra, con il rinfoltimento della collezione botanica e il ripristino delle antiche vaserie, anche con l'aiuto dell'Arch. Paolo Pejrone, nell'ambito del progetto “Storia di una rinascita” con cui la Fondazione Cosso ha ottenuto i fondi del PNRR (bando del ministero della Cultura dedicato ai parchi e ai giardini storici, finanziato dall'Unione Europea attraverso i fondi NextGenerationEU).

La sistemazione di pavimenti drenanti, cordoli dei vialetti e rondò, grazie all'intervento di attenti artigiani, migliorerà l'esperienza di visita e aiuterà il pubblico a orientarsi meglio all'interno del parco, anche con l'ausilio di un sistema di segnaletica inclusiva, di sicurezza e informativa.
Parallelamente il cantiere procede negli ambienti dell'ex portineria dove sorgeranno spazi di studio e lettura dedicati agli studenti.

La storia di una rinascita

Nel 2007, dopo anni di abbandono e incuria, gli attuali proprietari affidano il luogo alla Fondazione Cosso che dà avvio a un intervento di messa in sicurezza e restauro del Parco e della dimora che avevano sofferto un grande degrado dopo un lungo periodo di abbandono e di offesa seguito alla scomparsa dell'ultima proprietaria, Sofia Cacherano di Bricherasio.

Da allora la Fondazione Cosso opera per promuovere la bellezza della natura e di questo luogo e raccontarla ai visitatori e alle scuole, valorizzando l'esistente nel rispetto della memoria storica. Proseguono le ricerche d'archivio per svelare nuove storie, curiosità e preziose informazioni su questo magico luogo.

Dopo oltre 11 anni di lavoro il Parco è rinato e conserva ancora, tra le tante meraviglie, un bosco di bambù giganti, notevoli esemplari di ortensie, una collezione di camelie storiche, un patrimonio arboreo di oltre 1700 esemplari, tra cui 6 alberi monumentali riconosciuti nel 2008 dalla Regione Piemonte.

Per una giornata in famiglia

Le mostre organizzate dalla Fondazione Cosso sono accompagnate, nelle sale del Castello, dal percorso didattico Da un metro in giù, inaugurato nel 2018. Sotto le opere, ad altezza di bambino, giochi, approfondimenti e stimoli diventano il modo per avvicinarsi all'arte in maniera informale e personale, anche per gli adulti. Anche il Parco storico si prepara ad accogliere il progetto Da un metro in giù ed è un laboratorio a cielo aperto di apprendimento grazie a visite guidate tematiche, percorsi sensoriali e psicomotori, anche per la fascia d'età 1-3 anni.
Un audio racconto stagionale in cuffia accompagna alla scoperta di curiosità botaniche.

Il Castello di Miradolo è tra i Musei Family & Kids Friendly del circuito Nati con la Cultura.

Da sapere

Mostre
La Fondazione Cosso organizza mostre, concerti, visite guidate tematiche, laboratori, approfondimenti e attività per ogni fascia d'età, tutto l'anno, nelle quattro stagioni.
Il prezzo di ingresso può subire modifiche a seconda della stagionalità e degli eventi in corso.

Da un metro in giù
Parallelamente alle mostre si articola il progetto Da un metro in giù: un percorso didattico per i visitatori di tutte le età, tradotto in lingua inglese, francese, Easy to Read e Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA).
Anche i testi di sala delle mostre sono presenti nella traduzione in lingua inglese e francese e sono a disposizione in versione accessibile Easy to Read, Comunicazione Aumentativa Alternativa (CAA), LIS – Lingua dei Segni Italiana e audio-descrizione. Sono disponibili mappe accessibili e, su richiesta preventiva, Storie Sociali per aiutare le persone con autismo a comprendere e prepararsi al meglio all'esperienza di visita della mostra e del Castello.
Lungo il percorso espositivo è disponibile uno “Spazio Calmo”, un ambiente dedicato a quanti sentano la necessità di ritrovare la quiete e fare una pausa durante la visita.

Audio racconto
Per la visita al Parco si è accompagnati da un audio racconto stagionale in cuffia e una mappa per scoprire la storia del luogo, punti di interesse botanico e paesaggistico, aneddoti e curiosità green, ma non solo.
Sono disponibili supporti alla visita per ipo vedenti e non udenti.

Eventi privati
Alcuni spazi del Castello sono disponibili per iniziative private, riunioni ed eventi di rappresentanza per le aziende. Spazi per proposte culturali, ricevimenti e meeting.

Servizi
Caffetteria e il suo dehors, immerso nel giardino dei profumi della corte interna del Castello serve spuntini golosi e dolci. Nella bella stagione si possono prenotare cestini da pic nic confezionati artigianalmente, da ritirare il giorno della visita.
Bookshop specializzato nei temi di arte e natura, con una ricca selezione di titoli per bambini e ragazzi. Troverete inoltre una collezione di sciarpe, borse e accessori ispirata alla natura del Parco, volumi sulla storia di parchi e giardini storici, architettura, fotografia, arte e una ricca selezione di titoli per ragazzi, libretti didattici che accompagnano la visita nel Parco e nelle sale espositive.
Disabili: il luogo è fruibile ai visitatori con disabilità motorie.

Antica Pasticceria Castino

Una pasticceria d'altri tempi, che vi conquisterà con prelibatezze dolci e salate della tradizione, ma anche punto di ritrovo per un aperitivo o un cocktail tra amici. È in questa pasticceria che l'aristocrazia di Pinerolo acquistava fino al secolo scorso i dolci per le feste e si riuniva la domenica dopo la Santa Messa celebrata nel Duomo, proprio accanto. Anche la Contessa Sofia Cacherano di Bricherasio, ultima erede delle famiglia e proprietaria del Castello di Miradolo, a San Secondo di Pinerolo, era solita recarsi in questo ''angolo dolce'', appartato sotto gli eleganti portici di Piazza San Donato a Pinerolo, per gustare una cioccolata calda oppure una fetta della famosa Torta Zurigo. Sì... perchè è proprio qui che verso gli anni Trenta del Novecento il pasticcere Giuseppe Castino si guadagnò grande fama mettendo a punto la ricetta originare della famora torta, da lui ideata per la principessa Jolanda di Savoia.
Il ricercato salotto liberty, il profumo dei dolci appena sfornati e l'ottima selezione dolce e salata vi conquisteranno!
Img

Castello di MiradoloSan Secondo di Pinerolo, Torino (Piemonte)
23
Giugno
2024
UNICA DATA
23 Giugno 2024
Concerto d'Estate da Steve Reich
Castello di MiradoloSan Secondo di Pinerolo, Torino (Piemonte)
IN CORSO
TERMINA IL
25 Dicembre 2024
Giorgio Griffa. Una linea, Montale e qualcos’altro
Castello di MiradoloSan Secondo di Pinerolo, Torino (Piemonte)
27
Giugno
2024
TERMINA IL
8 Agosto 2024
Cinema nel Parco
Castello di MiradoloSan Secondo di Pinerolo, Torino (Piemonte)
27
Giugno
2024
TERMINA IL
22 Settembre 2024
Estate al Castello
Castello di MiradoloSan Secondo di Pinerolo, Torino (Piemonte)
12
Luglio
2024
UNICA DATA
12 Luglio 2024
Ortensie
Informazioni
Orari di apertura
Stagione 2024
23 Marzo - 25 Dicembre

Orari:
sabato, domenica, lunedì: ore 10:00 - 19:00 (dal 21 giugno orario estivo)

Per prenotare una visita contattare 0121 502761 o inviare un'email a prenotazioni@fondazionecosso.it
Ingresso
Parco
Intero: € 6,00
Possessori ''Abbonamenti Musei'' e bambini (fino a 11 anni): gratuito

Mostra + Parco
Intero: € 15,00
Gruppi, Over 65, Convenzioni: € 12,00
Ragazzi (12-26 anni): € 10,00
Ridotto (Carta Giovani Città di Pinerolo e scuole): € 4,00
Contatti
Via Cardonata, 2
10060 San Secondo di Pinerolo (TO)

T. +39 0121 502761

www.fondazionecosso.it
Grandi Giardini ItalianiGreat Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great GreenAICC Associazione Imprese Culturali e Creative
< Indietro
Castello di Miradolo
immagine

Biglietteria Grandi Giardini Italiani

Acquista il tuo passe-partout per i giardini più belli d'Italia