Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Scopri i consigli di Compo
Scopri i consigli di Compo

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Copyright Grandi Giardini Italiani Srl
P.I. 01151590112
Informazioni
sul giardino

Orari di apertura
Tutti i giorni dalle 8.30 alle 19.45
(la biglietteria chiude alle 18.45)

L'orario di uscita dal Giardino è collegato al tramonto del sole:
Gennaio: 16.45; Febbraio: 17.15; Marzo: 18.00 (con ora legale 19.00); Aprile 19.15; da Maggio ad Agosto: 19.30; Settembre: 19.00; Ottobre:18.15 (con ora solare 17.15), Novembre e Dicembre: 16.45.

Giorni di chiusura: lunedì mattina, 1° gennaio e 25 dicembre, salvo aperture straordinarie

L'ingresso per i visitatori è su PIAZZA TRENTO, l'uscita obbligatoria da PIAZZA CAMPITELLI

GREEN PASS: in ottemperanza alle disposizioni governative vigenti (DPCM del 23 luglio 2021), dal 6 agosto 2021, per accedere ai musei e ai luoghi della cultura, sarà obbligatorio esibire il Green Pass insieme ad un valido documento di identità.
Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica.

Ingresso
Intero: € 12.00
Ridotto: € 6.00
Gratuità e riduzioni previste come da norme statali

Le tariffe possono variare in concomitanza di eventi culturali
Prenotazione obbligatoria sabato, domenica e festivi

Contatti
Piazza Trento, 5
00019 Tivoli (Roma)

T. +39 0774 312070
Biglietteria +39 0774 332920
Servizio disabili +39 0774 335850
Call center 199 766 166

www.levillae.com

Lazio

Villa d'Este a Tivoli

Tivoli , Roma

Giardino storico
In Nome della Rosa

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

Come arrivare

In auto
Autostrada A24, uscita Tivoli

In treno
Dalla Stazione di Termini treni della Linea Roma-Pescara, fermata Stazione Tivoli
Per informazioni Trenitalia

In pullman
Linea Cotral Roma -Tivoli (capolinea di Roma: fermata metro Ponte Mammolo; fermata di Tivoli: Largo Nazioni Unite).
Per informazioni: Cotral Spa

Presentazione

Villa d'Este, capolavoro italiano dell'arte dei giardini, patrimonio dell'umanità Unesco, con la sua impressionante concentrazione di fontane, ninfei, grotte, giochi d'acqua e musiche idrauliche costituisce un modello più volte emulato nei giardini europei manieristi e barocchi.
Il prestigio del giardino aumenta ulteriormente se la sua bellezza viene considerata nel contesto paesaggistico, artistico e storico di Tivoli, con rovine come Villa Adriana e un territorio affascinante di forre, caverne e cascate.

Il cardinale Ippolito II d'Este, governatore di Tivoli dal 1550, fece rivivere qui i fasti delle corti di Ferrara, Roma e Fontainebleau, e fece rinascere la magnificenza di Villa Adriana. Il progetto del pittore-archeologo-architetto Pirro Ligorio si chiarì dopo il 1560 e venne poi realizzato dall'architetto di corte Alberto Galvani. Alla morte del cardinale (1572) l'allestimento era quasi completato, ma purtroppo non abbiamo testimonianza di parte del fasto iniziale, perché sono andati dispersi i preziosi arredi e la collezione di statue antiche. Nel secolo successivo si registrarono nuovi importanti lavori, che coinvolsero grandi maestri come Gian Lorenzo Bernini. Le sale del palazzo vennero decorate sotto la direzione di protagonisti del tardo manierismo romano, come Muziano, Agresti e Federico Zuccari.

Seppur abbia attraversato un lungo periodo di progressivo abbandono, spoliazioni e degrado, dal XVII secolo divenne una delle tappe fondamentali ed esclusive del Grand Tour e meta di artisti quali Fragonard, Hubert e Turner. Villa d'Este è dalla fine della Prima Guerra Mondiale proprietà dello Stato Italiano e dal 2001 è iscritta alla lista del Patrimonio Mondiale Universale dell'UNESCO. Dal 2016 è parte fondamentale dell'Istituto “Villa Adriana e Villa d'Este”, che ha avviato importanti azioni di recupero e un programma di restauri che hanno ribadito la centralità del sito nel recupero rinascimentale della tradizione del giardino dall'antico.

Pirro Ligorio

(1510 ca. – 1583)
Architetto, pittore, erudito e scrittore napoletano, si trasferì presto a Roma, dove, dopo aver dipinto facciate di edifici, s'interessò di storia dell'arte e d'antiquariato, tanto da ricevere l'incarico, da parte del card. Ippolito d'Este, di compiere scavi a Villa Adriana di Tivoli. Subito dopo, lo stesso prelato gli chiese di ideare e realizzare il fantastico giardino della sua villa, sempre a Tivoli: un progetto che rappresenta uno dei massimi capolavori manieristi dell'arte dei giardini, con un ricchissimo corredo di fontane, scalinate, terrazze e padiglioni. Fra sue altre opere, vanno menzionati il Casino di papa Pio IV, il Palazzo Torres Lancellotti, il nicchione del Belvedere, tutti a Roma. A partire dal 1568, si stabilì presso la Corte estense di Ferrara, continuando i suoi studi sulle antichità romane e locali. Fu autore del Libro delle antichità di Roma (1553).