Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Scopri i consigli di Compo
Scopri i consigli di Compo

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Informazioni
sul giardino

Orari di apertura
Stagione 2021
Giardino Storico
Dal 15 Maggio al 19 Settembre: dalle 7:30 alle 20:00
Da Ottobre a Marzo: dalle 7:30 alle 18:00

Reggia di Colorno
Visita guidata obbligatoria

Per i giorni e gli orari di partenza delle visite guidate
consultare il sito della Reggia

GREEN PASS: dal 6 agosto per accedere all'interno della Reggia di Colorno e per partecipare agli eventi, anche all'aperto, nel Giardino storico, tutti gli ospiti con più di 12 anni di età avranno l'obbligo di presentare la Certificazione Verde (Green Pass) ai sensi del DECRETO-LEGGE 23 luglio 2021, n. 105

Ingresso
Giardino Storico
Ingresso gratuito

Reggia di Colorno
(visita guidata inclusa)
Intero: € 10.00
Ridotto: € 9.00
Ridotto gruppi: € 8.00

Per altre modalità di visita, visitare il sito della Reggia

Contatti
Piazza Garibaldi, 26
43052 Colorno (PR)

T. +39 0521 312545

reggiadicolorno.it

Emilia-Romagna

Giardino storico della Reggia di Colorno

Colorno, Parma

Giardino storico
Accessibile ai disabili
Pet Friendly

© Veronica Mordacci

© Veronica Mordacci

© Veronica Mordacci

© Gigi Montali

© Gigi Montali

© Gigi Montali

© Gigi Montali

© Gigi Montali

© Gigi Montali

© Grandi Giardini Italiani

© Veronica Mordacci

Come arrivare

In auto
Da Milano e Bologna: Autostrada A1 – uscita Parma – SS 343 direzione Colorno
Da Genova – La Spezia: Autostrada A15 – A1 direzione Bologna – Uscita Parma – SS 343 direzione Colorno
Da Cremona: SS 343 direzione Casalmaggiore – Colorno
Da Mantova: SS 420 direzione Sabbioneta – Casalmaggiore – Colorno

In treno
Linea Parma – Brescia (www.trenitalia.it)

In autobus
Partenza a cadenza oraria dalla Stazione FFSS Parma (www.tep.pr.it)

In aereo
Aeroporto di Parma “Giuseppe Verdi” (www.parma-airport.it)

Servizi

- Ascensore e servizi per disabili.
(L'Appartamento del Duca Ferdinando di Borbone non è accessibile ai disabili se in carrozzina)

- Bookshop

- Visita guidata in lingua (inglese, francese, spagnolo, tedesco, russo) su prenotazione

- Laboratori e attività didattiche, su prenotazione

- Visita guidata al Giardino Storico, su prenotazione

- La Reggia di Colorno è PET friendly: sono ammessi animali di piccola taglia se tenuti in braccio e con apposito guinzaglio oppure in idoneo trasportino.
(La biglietteria non effettua servizio di dog sitting)

Cenni storici

Le prime notizie relative a un giardino attorno alla Rocca di Colorno risalgono alla seconda metà del Quattrocento sotto la dinastia dei Sanseverino. Con l'avvento di Ranuccio Farnese e sua moglie Margherita Jolanda di Savoia furono realizzate le mura di cinta e i riporti di terra vicino alla Reggia, che creano il dislivello tra giardino alto e basso.
Sempre sotto i Farnese, con l'architetto di corte Ferdinando Galli Bibiena, iniziò la trasformazione da giardino all'italiana a giardino alla francese. Con l'estinzione della dinastia il giardino attraversò un periodo di decadenza e solo con l'arrivo di Filippo di Borbone i lavori ripresero, grazie all'opera di Petitot. Infine con Maria Luigia d'Austria nel 1816 avviene un'ulteriore trasformazione, questa volta da giardino a parco all'inglese, innestando molte piante rare, tra cui la Zelcova Carpinifoglia tuttora esistente. Il restauro, realizzato dalla Provincia di Parma ed inaugurato nel 2000, ha ripristinato l'originario parterre della prima metà del Settecento. L'intervento si è sviluppato su 24.000 m2: due gallerie verdi laterali di Carpinus betulus, lunghe 120 m, delimitano il parterre con un camminamento finestrato. All'interno dello spazio centrale troneggiano quattro grandi aiuole geometriche in bosso. Al centro una fontana circolare ha come contrappunto due fontane nella parte alta.
Nel giardino sono collocati 50 vasi in terracotta contenenti piante di limoni ed aranci, con stemmi dei Farnese, dei Borbone e di Maria Luigia d'Austria. Il parterre è recintato da siepi di Tilia cordata che nell'ellisse finale si collegano a una siepe di Taxus baccata. Fuori dal parterre e in asse con il disegno complessivo si trova l'ottocentesco laghetto con l'isola dell'amore che conduce al parco all'inglese, oggi percorribile per una gradevole passeggiata tra alberi secolari in un'atmosfera carica di storia e suggestioni romantiche.