Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Scopri i consigli di Compo
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Les Plus Beaux Jardins de France
Pashmine d'artista

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Informazioni
sul giardino
Orari di apertura
Stagione 2021
Dal 1 Maggio al 31 Ottobre, il giardino è visitabile solo la domenica alle ore 10:00 o alle ore 11:30 con visita guidata (max 15 persone)
Ingresso
Intero: € 5.00
Bambini (0-6 anni): gratuito
Contatti
Via Parrocchia, 2
81100 Caserta - Loc. Piedimonte di Casolla

M. +39 335 446546

Campania

Giardino di Palazzo Cocozza di Montanara

Caserta

Giardino storico
Accessibile ai disabili
Acquista il biglietto
Adatto a famiglie
Parcheggio
Wi-Fi Area
In Nome della Rosa

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

Il Giardino di Palazzo Cocozza di Montanara a Caserta nel borgo medievale di Piedimonte di Casolla, dopo una storia che dal ‘500 lo vide come luogo produttivo di orti e coltivazione della canapa, assunse un aspetto paesaggistico da quando la marchesa Luisa Cocozza di Montanara nella seconda metà dell' ‘800 scelse di intervenire nel giardino con uno stile creativo.
L'acqua che scorre e scroscia in tutta la sua estensione è la trama sorgiva che anima e illumina di incanto e grazia questo luogo, non tanto come completamento ma come disegno fondativo della sua origine. Fin da quando, provenendo dall'acquedotto Carolino e transitando da questo giardino, si raccoglieva in una grande vasca di tufo da cui si diramava poi in undici fontane, come tuttora accade. Giardino di rose “Ronsard” che l'illusione visiva sembra far uscire da antiche coppe di agapanti azzurri ai piedi degli aranci, di lecci, di Phoenix Canariensis, di cedri e pini, melograni e siepi fiorite, manufatti di tufo, di pietre e fregi nella mescolanza di substrato storico in cui si innesta il mediterraneo giardino romantico e la rivisitazione contemporanea del paesaggista inglese Peter Curzon.

Una lieve base formale è sottesa al giardino cui si accede percorrendo i cinque livelli terrazzati e i vialetti. Gli aranci con varie bordure, Abelia, Anemone japonica e Leonotis leonurus di colore arancio, nel giardino affiancano alla bellezza il segno del produttivo. Il viale di melograni poco sopra è il sogno, creato come spazio raccolto, riparato allo sguardo da un fondale topiario di Laurus nobilis e una vasca settecentesca di marmo bianco.

Il giardino fu scelto da Pier Paolo Pasolini nel 1970 come set per ambientarvi una novella di Boccaccio, ''Caterina e l'usignolo'', per il film “Decameron''. Gli era apparso come un Eden sospeso tra eros e innocenza.