Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Scopri i consigli di Compo
Scopri i consigli di Compo

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Copyright Grandi Giardini Italiani Srl
P.I. 01151590112
Informazioni
sul giardino

Orari di apertura
Aperti tutto l'anno su appuntamento, anche per piccoli gruppi

Ingresso
A partire da € 12.00 a persona

Possibilità di organizzare assaggi di vino, o di spremute di agrumi inclusi nel costo di ingresso

Contatti
Via Trinità, 34
95030 Mascalucia (CT)

T. +39 095 7275259
M. +39 348 6521887

www.etnabotanicgarden.com

Sicilia

Villa Trinità

Mascalucia, Catania

Giardino moderno
Adatto a famiglie
Degustazione vini
Parcheggio
Pernottamento
Pet Friendly
Ristorazione

© Valerio D'Urso

© Valerio D'Urso

© Valerio D'Urso

© Valerio D'Urso

© Valerio D'Urso

© Valerio D'Urso

Appunti di viaggio

Il giardino di Villa Trinità, nato su progetto dell'architetto paesaggista Salvatore Bonajuto, vi resterà nel cuore per i suoi profumi e per il meraviglioso spettacolo che dà di sé la Jacaranda in fiore.
Qui troverete un esempio delle antiche saie, un antico impianto di irrigazione costituito da canali fuori terra che permettono, oggi come allora, la distribuzione delle acque irrigue mediante caratteristiche chiuse. L'agrumeto, presenza importante di questo giardino, beneficia ancora di questo antico sistema di irrigazione.

Una colazione in terrazza, un tuffo nella piscina, cui fa da quinta l'agrumeto in fiore, la cucina rigorosamente casalinga e il proprietario disponibile a svelare i segreti del suo Giardino, i plus che rendono il soggiorno un'esperienza rigenerante per corpo e anima.

Per gli amanti della cucina non perdetevi l'esperienza del demo cooking o show cooking: laboratorio di cucina di un giorno con l'utilizzo di prodotti dell'orto e del frutteto. Imparerete a non scartare più nulla e ad apprezzare l'uso in cucina di bucce e foglie.
Per chi volesse cimentarsi in cucina nella preparazione di gustosi manicaretti, vi consiglio di chiedere alla cuoca di visitare insieme il vicino mercato: vi potrà aiutare a scegliere i migliori prodotti.

Come arrivare

In auto
Da Messina: A18 direzione Catania uscita Gravina. Proseguire in direzione “Mascalucia Etna”, alla rotonda girare a sinistra in Corso San Vito e dopo circa 800mt svoltare a destra in Corso Raffaello che conduce alla chiesa della Trinità alla cui destra si trova il cancello della Villa.

Cenni storici

In Sicilia, scavando, si trovano quasi sempre splendide testimonianze
di un lontano passato.
Il Giardino di Villa Trinità sulle pendici dell'Etna sorge in un luogo dalle interessanti stratificazioni che vanno molto indietro nel tempo: resti di civiltà ellenistica, poi imperiale romana, affiorano dal terreno diventando colore e materia in giardino.
Nel lontano 1382 la lava ha ricoperto tutto, custodendo sotto la sua mole i tesori del passato, in parte riaffiorati grazie al dissodamento dalla pietra voluto dalle ultime generazioni per piantare le viti.
Oggi Salvatore Bonajuto, proprietario della Trinità, agronomo e paesaggista, ha voluto creare un giardino di circa 3 ettari rispettando i
segni del passato ancora evidenti: i camminamenti di pietra detti rasule,
i canali di irrigazione (saie) e naturalmente la roccia lavica, protagonista in tutto il parco. L'irrigazione a saie affascina i visitatori e invita al gioco i più piccini; traccia un percorso che caratterizza fortemente il paesaggio e, con lo scorrere dell'acqua, fa da voce narrante. Un agrumeto irrigato con questo metodo tradizionale e un vigneto di antiche varietà locali fanno da cornice a una collezione di piante provenienti da paesi tropicali, giardino nel giardino dunque, poiché in Sicilia “giardino” è l'agrumeto e “villa” è il giardino ornamentale.
Passeggiando per il parco si ammirano palmizi, succulente, iris, arbusti esotici da frutto, una nascente collezione di agrumi e la macchia mediterranea, con un maestoso bagolaro, conosciuto come “spaccasassi”. Tra le aree di interesse naturalistico, una sacca di terreno con la roverella spontanea, un tempo colonizzatrice del “bosco etneo”, oggi scomparso, e un'emergenza rocciosa, vasca naturale di lava, dove si raccoglie l'acqua piovana, abbeveratoio delle gru in migrazione.

Salvatore Bonajuto

Architetto paesaggista, Bonajuto cura il Giardino di Villa Trinità a Mascalucia. È, inoltre, curatore e proprietario della stupenda cappella Bonajuto, uno dei pochi edifici bizantini sopravvissuti al tremendo terremoto del 1693, a Catania.