Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Scopri i consigli di Compo
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Les Plus Beaux Jardins de France
Pashmine d'artista

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Informazioni
sul giardino
Orari di apertura
1 Novembre - 31 Marzo
lun-sab (non festivi): 9:30-16:30

1 Aprile - 31 Ottobre
lun-sab non festivi: 10:00-18:00

Domenica e festivi chiuso salvo diversa indicazione
Ingresso
Intero: € 10.00
Over 65: € 8.00
Ridotto (bambini e giovani): € 5.00
Biglietto famiglia (2 adulti + max 3 bambini): € 22.00
Gratuito per persone diversamente abili e accompagnatore, studenti dell'Università di Padova, bambini fino a 5 anni
Contatti
Via Orto Botanico, 15
35123 Padova

T. 049 8273939

www.ortobotanicopd.it

Veneto

Orto Botanico di Padova

Padova

Orto botanico
Adatto a famiglie
Parzialmente accessibile ai disabili
Ristorazione
In Nome della Rosa

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

Cenni storici

L'Orto botanico dell'Università di Padova fu fondato nel 1545 come “Horto medicinale” per la coltivazione di piante medicinali a fini scientifici e didattici.
La sua istituzione fu sollecitata da Francesco Bonafede, che ricopriva la cattedra di “lettura dei semplici”, per permettere agli studenti l'osservazione dal vero delle piante medicinali.
Molte specie furono introdotte per la prima volta in Italia e in Europa attraverso l'Orto botanico di Padova, che beneficiava del ruolo cruciale della Repubblica di Venezia, dei suoi possedimenti e dei suoi scambi commerciali.

L'Orto botanico di Padova è il più antico orto botanico universitario al mondo e, nei secoli, ha conservato la propria collocazione originaria e gran parte delle caratteristiche dell'impianto cinquecentesco.
Da sempre luogo di ricerca scientifica, scambio culturale e didattica, dal 1997 è inserito nella Lista del Patrimonio Mondiale Unesco con la seguente motivazione: “L'Orto botanico di Padova è all'origine di tutti gli orti botanici del mondo e rappresenta la culla della scienza, degli scambi scientifici e della comprensione delle relazioni tra la natura e la cultura. Ha largamente contribuito al progresso di numerose discipline scientifiche moderne, in particolare la botanica, la medicina, la chimica, l'ecologia e la farmacia”.

Nel 2014 l'Orto botanico ha ampliato il proprio patrimonio botanico, inaugurando il Giardino della biodiversità: cinque nuove grandi serre che propongono un viaggio attraverso cinque biomi della Terra, in un percorso che intreccia storie di piante e di popoli.

Oggi l'Orto botanico di Padova conta oltre 3500 specie con 7000 esemplari, tra cui la Palma di San Pietro, messa a dimora nel 1585 e descritta da Goethe ne Le metamorfosi delle piante, e un raro Platanus orientalis del 1680.