Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Scopri i consigli di Compo
Scopri i consigli di Compo

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Trentino-Alto Adige

Parco delle Terme di Levico

Levico Terme, Trento

Giardino storico
Accessibile ai disabili
Pet Friendly

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

Come arrivare

In auto
SS 47 uscita Levico Terme. Seguire le frecce “PARCO TERME DI LEVICO”.Superare il sottopasso, seguire la strada principale, mantenendosi a destra. All'incrocio (STOP) girare a destra. Al terzo semaforo svolta a sinistra (in salita). Proseguire in salita fino all'ingresso del parco (cancello monumentale).
Il Parco delle terme di Levico si trova nel centro abitato di Levico Terme, a 19 Km da Trento.

Per le auto elettriche
Si segnala la presenza di una colonnina di ricarica per auto elettriche nel parcheggio della piscina comunale a circa 1 km dall'ingresso del Parco. La colonnina è una classica pole tipo Enel con una presa Tipo2 e una Tipo3a, utilizzabili in contemporanea e in questo caso ci sono due posti riservati.

Cenni storici

La storia del parco delle Terme di Lévico, il più importante parco storico della Provincia di Trento, inizia alla fine del XIX secolo con l'affermazione di Lévico Terme al rango di città e stazione termale d'importanza europea. Per opera del paesaggista-giardiniere tedesco Georg Ziehl (1873-1953) un arativo di circa 13 ettari fu trasformato in un grande parco dal disegno informale, con spazi aperti per l'elioterapia, alternati a nuclei e viali alberati di conifere: sequoie giganti, douglasie, pini esotici, magnolie sempreverdi ma anche faggi e tigli.
Dopo il restauro, avvenuto a seguito dei gravi danni della tempesta Vaia del 2018, il parco ha recentemente ripreso forma. Duecentocinquanta nuovi alberi, un nuovo bosco di betulle, una collezione di conifere e molte latifoglie dal caratteristico fogliame colorato, sono stati piantati rispettando l'originale equilibrio di spazi pieni e di aree a prato. Nei prati 70.000 bulbose colorano la primavera e le erbacee da fiore richiamano impollinatori dall'estate all'autunno, rendendo omaggio a una cultura spesso dimenticata, che nella storia ha caratterizzato i grandi giardini italiani.
Il parco di Levico è oggi gestito con particolare attenzione alla qualità dell'ambiente e alla biodiversità.
Villa Paradiso, l'elegante villino che fu la casa del giardiniere, dal 2020 è sede della mostra permanente “Spazi cólti: i giardini nella storia d'Occidente”, un'esposizione che racconta attraverso una selezione di immagini, filmati, documenti e oggetti, storie di parchi e giardini. Gli sguardi sui giardini storici, trasformati nel tempo da beni privati a risorsa pubblica, si concentrano sull'evoluzione degli stili e del concetto stesso di giardino da luogo ideale a luogo reale.
Un percorso espositivo “tradizionale” arricchito da un tour virtuale in 3D con l'utilizzo di visori, da una selezione di musiche e letture e da risorse multimediali e giochi di realtà aumentata.