Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Scopri i consigli di Compo
Scopri i consigli di Compo

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Informazioni
sul giardino

Orari di apertura
Stagione 2021
9 aprile - 15 ottobre: ore 9:00 - 19:00
(ultimo ingresso: ore 17:30)
16 ottobre - 31 ottobre: ore 9:00 - 18:00
(ultimo ingresso: ore 16:30)
1 novembre - 15 novembre: ore 9:00 - 17:00
(ultimo ingresso ore 15:30)

GREEN PASS: dal 6 agosto 2021, è necessario mostrare il Green Pass per accedere ai seguenti luoghi:
- Touriseum
- Castel Trauttmansdorff
- Esibizione temporanea nella rimessa ''Borse, trolley e valigie“
- Spazi interni del ristorante Schlossgarten e del Cafè delle Palme

Per visitare solo i Giardini NON viene richiesto il Green Pass

Ingresso
Adulti: € 15.00
Senior (over 65 anni): € 13.00
Ragazzi (6-18 anni), Disabili, Studenti (sotto i 28 anni): € 12.00
Gruppi (min. 15 persone): € 12.00
Famiglie (2 adulti con ragazzi sotto i 18 anni): € 32.00
Mini Famiglia (1 adulto con ragazzi sotto i 18 anni): € 17.00
Bambini (sotto i 6 anni): gratuito

Contatti
Via San Valentino, 51/a
39012 Merano (BZ)

T. +39 0473 255 600
F. +39 0473 255 601

www.trauttmansdorff.it

Trentino-Alto Adige

I Giardini di Castel Trauttmansdorff

Merano, Bolzano

Giardino paesaggistico
Accessibile ai disabili
Acquista il biglietto
Adatto a famiglie
Animali domestici vietati
Parcheggio
Ristorazione
In Nome della Rosa

© Grandi Giardini Italiani

© Grandi Giardini Italiani

Come arrivare

In auto
Da Bolzano sulla superstrada MEBO (SS 38) o dal Passo Resia (A) sulla SS 40 e SS 38 fino all'uscita Merano sud con proseguimento per il Centro. Alla seconda rotonda, svoltare per Scena/Schenna e proseguire per circa 2 km fino al parcheggio dei Giardini di Castel Trauttmansdorff.

Parcheggio
345 posti auto a pagamento (3,50 Euro al giorno), 7 posti auto riservati ai disabili, 9 posti gratuiti per i pullman.
Il parcheggio è dotato di 2 colonnine di ricarica elettriche.

In treno
Collegamenti ferroviari nazionali e internazionali fino a Bolzano. Proseguire poi con il treno regionale per Merano. Dalla stazione collegamento con il bus linea 4 o 1B ai Giardini

In autobus
Dalla stazione di Merano linea 4 o 1B

A piedi
Il Sentiero di Sissi collega il centro di Merano con i Giardini di Castel Trauttmansdorff. (Percorrenza: 45 minuti - Lunghezza percorso: 3 km)

In aereo
Distanza dall'Aeroporto di Bolzano: 30 Km

Presentazione

Adagiati su un anfiteatro naturale a est della città termale di Merano, questi Giardini si estendono su un dislivello di 100 metri: un percorso terrazzato con vista spettacolare sul parco, la città e le montagne. Grazie al clima mite di Merano, i Giardini possono illustrare 80 ambienti botanici: nei Giardini del Sole crescono piante mediterranee coltivate come ulivi, viti, fichi e cipressi.
Dai Giardini Acquatici e Terrazzati discendono sentieri verso il Giardino all'Italiana, il Giardino dei Sensi e il Laghetto delle Ninfee.
Nel settore dedicato ai Paesaggi dell'Alto Adige si scoprono le piante tipiche della zona, mentre in quello dedicato ai Boschi del Mondo si alternano latifoglie e conifere asiatiche e americane.
Tra arte e natura, i Giardini ospitano attrazioni sorprendenti, quali dieci padiglioni artistici, la Serra esotica con il Terrario, la piattaforma panoramica Il Binocolo di Matteo Thun, la Voliera, la Grotta e il Regno Sotterraneo delle Piante.
I Giardini di Sissi a Castel Trauttmansdorff meritano di essere visitati più volte per scoprire il fascino sempre diverso di forme e colori.
La stagione inizia con la fioritura di 350.000 tulipani e narcisi, seguiti da più di 300 varietà e specie di rododendri e peonie. A fine maggio le rose inglesi e in giugno la lavanda emanano il loro profumo, poi nell'oliveto si impone la macchia gialla festosa dei girasoli. Infine, in autunno i Giardini si illuminano con una spettacolare sinfonia di colori.
Imponente, al centro, si erge Castel Trauttmansdorff, luogo amato dall'Imperatrice Sissi, oggi sede del Touriseum, il Museo del Turismo, che illustra 250 anni di storia del turismo tirolese.

Servizi

Servizi
I Giardini dispongono di numerose fontanelle di acqua potabile; 10 bagni per portatori di handicap con fasciatoio per il cambio dei neonati; è possibile noleggiare sedie a rotelle elettriche (quasi tutti i percorsi sono accessibili in passeggino e carrozzella); negozio di souvenir interno.

Visite guidate
Visita guidata giornaliera (durata 90 minuti): € 6,50
Visita guidata personalizzata (durata 90 minuti): € 65,00
Visita guidata per famiglie con laboratorio (durata 90 minuti): € 8,00 (ragazzi fino a 14 anni gratuiti)

Per i dettagli delle visite consultare il sito
I costi delle visite guidate sono in aggiunta la biglietto di ingresso

I Giardini di Castel TrauttmansdorffMerano, Bolzano (Trentino-Alto Adige)
IN CORSO
TERMINA IL
15 Novembre 2021
I Giardini di Sissi tornano visitabili

Concetto di Piantagione

Al contrario di molti altri giardini botanici, i Giardini di Castel Trauttmansdorff, in allestimento dal 1994, sono costituiti per la maggior parte da esempi di paesaggi di tutto il mondo, con alberi e cespugli tipici delle varie zone, tenendo presenti le relazioni tra vegetazione naturale, clima, posizione e intervento umano.

Divisi in quattro aree tematiche, gli oltre 80 ambienti botanici riescono a trasmettere, all'osservatore attento, la sensazione di trovarsi realmente nei diversi continenti. I Boschi del mondo mostrano tipologie boschive e paesaggi antropizzati dell'America e dell'Asia; nei Giardini del sole sono presentati ambienti mediterranei, mentre i Paesaggi dell'Alto Adige esemplificano l'originario aspetto della vegetazione locale. Al centro, i Giardini acquatici e terrazzati costituiscono una vera e propria opera d'arte del giardinaggio, con l'utilizzo di elementi come acqua, gradinate e piante esotiche.

I Giardini presentano collezioni di piante di molti generi, varietà e colore, risultato della natura o della coltivazione. Una particolarità dei Giardini di Castel Trauttmansdorff è la posizione pendente e la naturale forma ad anfiteatro. Il costoso terrazzamento della ripida area ha reso possibile, da un lato, l'ampliamento della superficie coltivabile, dall'altro, un arricchimento visivo: grazie al dislivello di oltre 100 m, infatti, tutte le aree dei Giardini possono essere osservate da prospettive diverse. L'opera muraria è costituita al 10% da granito e al 90% da porfido di quarzo, che sono le caratteristiche rocce locali.

Durante la fase di allestimento propriamente botanico, l'ideatore e progettista del parco, l'ing. Manfred Ebner, è stato assistito sia scientificamente che concretamente dal Dr. Fred-Günther Schroeder (emerito docente di fitogeografia all'Università di Göttingen), da dott. Francesco Decembrini (Giardineria Comunale di Merano) e dal team dei Giardini. Per la strutturazione dei diversi ambiti sono stati incaricati diversi paesaggisti e architetti di giardini, procedimento tuttora in atto: le proposte presentate vengono esaminate in base alla loro fattibilità ed eventualmente adattate. Numerose idee, inoltre, riguardanti la strutturazione, le nuove piante da introdurre ecc., vengono sviluppate dal team interno di Trauttmansdorff. Più di 150 anni fa arrivarono a Merano le prime piante esotiche, trapiantate poi nei numerosi parchi e giardini della città di cura. In quanto regione con l'inverno più mite di tutta l'area tedesca, la cittadina presentava le condizioni ideali per il trapianto di alberi e cespugli esotici, che a nord delle Alpi non sarebbero potuti sopravvivere. Le calde giornate autunnali, inoltre, fanno sì che il nuovo legno possa giungere a completa maturazione in tempo per affrontare l'inverno.