Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Dario Fusaro

© Grandi Giardini Italiani

Veneto

Castello di San Pelagio

Due Carrare, Padova

Giardino storico
Accessibile ai disabili
Acquista il biglietto
Caccia al Tesoro Grandi Giardini Italiani
Dove mangiare
Parcheggio
Pet Friendly
Wi-Fi Area
In Nome della Rosa

Come arrivare

In auto
Da Milano: Autostrada A4 Torino-Trieste, uscita Padova Ovest. Entra in SS47 Padova/Vicenza/Selvazzano e poi prendi SR47 e prosegui per circa 3,5 km fino all'uscita 8 verso Padova/Via Adriatica. Proseguire dritto fino alla rotonda, 2° uscita per immettersi su SS16. Prosegui per circa 6 km circa poi svolta a sinistra su SP30. Prosegui per circa 600mt poi svolta a destra e prendi Via di San Pelagio fino al Castello.
Da Bologna: Autostrada A13 Bologna-Padova uscita Terme Euganee. Mantieni la sinistra al bivio, segui le indicazioni per Battaglia Terme, e prosegui per circa 6 km su SS16 fino all'arrivo al Castello di San Pelagio.

In aereo
Distanza dall'Aeroporto di Venezia: 64 Km

Cenni storici

L'impronta che nel 1700 l'avo Roberto Zaborra ha dato ai giardini è ancora leggibile. Fu lui a introdurre lati sorprendenti e bizzarri che, puntando sull'elemento naturale, cercavano un'armonia di rapporti con il paesaggio. Il giardino di rappresentanza, con 200 varietà di rose, circa mille esemplari, nasce da un'appassionata ricerca trentennale in tutta Europa. L'inserimento è avvenuto con criteri precisi e coerentemente con la destinazione attuale del Castello. Un chiaro esempio è la rosa 'Aviateur Blériot', dedicata al trasvolatore della Manica del 1909. Attorno alla vasca centrale con ninfee si notano cespugli di yucca, gruppi di peonie 'Hana Kisoi' e una profusione di rose inglesi.

Il Giardino Segreto interno al castello è ricco di cipressi, tassi, tigli secolari, una lagestroemia ultracentenaria, un vecchio diospiro dall'intensa produzione di frutti, viburni, ibischi, oleandri, Lippia citriodora, clematidi, gelsomini, lavanda, passiflora e ancora rose. Dal giardino di rappresentanza ci si incammina lungo un viale di carpini potati a tunnel. Dalla sua sommità si gode il panorama dell'antica peschiera e del campo da cui, il 9 agosto 1918, D'Annunzio e la squadriglia della Serenissima partirono per il famoso Volo su Vienna.

Tre i labirinti verdi esistenti: il “Labirinto del Minotauro” che cita il mito di Icaro e quindi la storia del volo, tema del museo; il labirinto del “Forse che sì forse che no”, che ricorda nel nome il famoso romanzo dannunziano; nel marzo 2013 è stato inaugurato il terzo Labirinto, dedicato all'Africa. Oggi la Villa è Museo del Volo e nei suoi giardini ha trovato posto il “Viale degli Eroi” dove vengono messe a dimora “piante aeronautiche” come l'alloro che, dedicato a D'Annunzio, ne ricorda la grande opera poetica, il frassino dedicato al conte da Schio che lo usava nella costruzione dei suoi dirigibili, e molti altri.

Certificazione Green: azioni intraprese in chiave ecosostenibile (dopo il 2020)

  • Passaggio a fornitore di energia da fonti rinnovabili
  • Interventi di manutenzione ordinaria costante, ripristino di collezioni botaniche, de-compattamento del suolo sotto chioma
  • Abolizione dell'uso di diserbanti, insetticidi, fungicidi e antiparassitari e/o concimi chimici di sintesi. Mulching del prato
  • Produzione continuativa nel tempo di compost
  • Arricchito la collezione botanica con varietà antiche
  • In ambito divulgativo, introduzione di pannelli informativi, attività didattica tematica sul verde, organizzazione della Caccia al tesoro botanico.
  • Installazione di punti per acqua potabile; pratiche di risparmio della carta, miglioramento della raccolta differenziata.
  • Risparmio idrico nelle annaffiature estive, risparmio energetico nell'illuminazione con la sostituzione di nuove lampade a risparmio energetico.
Informazioni
Orari di apertura
Stagione 2024
Dal 6 gennaio al 30 novembre come di seguito indicato:
  • 6, 7, 14, 21, 28 Gennaio, 13:30-17:30
    con VISITA GUIDATA alle Stanze dannunziane ore 14:30 e 16: 00
  • 4, 11, 18, 25 Febbraio, 13:30-17:30
    con VISITA GUIDATA alle Stanze dannunziane ore 14:30 e 16: 00
  • 1 Marzo - 30 Novembre
    - martedì, venerdì, sabato: 10:00-13:00 /14:30-18:30
    VISITA GUIDATA alle Stanze dannunziane ore 11:00 e 16:00
    - domenica e festivi: 10:00-19:00
    con VISITA GUIDATA alle Stanze dannunziane ore 11:00, 12:00, 15:00, 16:00 e 17:00
Ingresso
Intero: € 15,00
Include la visita guidata alle Stanze Dannunziane + visita libera al Museo del Volo, al Parco delle Rose e dei Labirinti

Ragazzi (5-12 anni): € 10,00
Include la visita guidata alle Stanze Dannunziane + visita libera al Museo del Volo, al Parco delle Rose e dei Labirinti + active book

Famiglia (2 adulti + 1 ragazzo): € 32,00 (+ € 9,00 ogni ragazzo aggiuntivo)
Include la visita libera al Museo del Volo, al Parco delle Rose e dei Labirinti + active book

Bambini (0-4 anni): gratuito
Contatti
Via San Pelagio, 50
35020 Due Carrare (PD)

T. +39 049 9125008
M. +39 346 8074078

www.castellosanpelagio.it
Grandi Giardini ItalianiGreat Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great GreenAICC Associazione Imprese Culturali e Creative
< Indietro
Castello di San Pelagio
immagine

Biglietteria Grandi Giardini Italiani

Acquista il tuo passe-partout per i giardini più belli d'Italia