Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Scopri i consigli di Compo
Scopri i consigli di Compo

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Copyright Grandi Giardini Italiani Srl
P.I. 01151590112
Informazioni
sul giardino

Orari di apertura
Stagione 2021
Visita guidata per gruppi (min. 15 persone) su prenotazione

Dopo le restrizioni Covid verrà ripristinata l'apertura del parco (su prenotazione) in occasione della Santa Messa (aperta a tutti) delle ore 11:00 presso la cappella privata del castello San Vincenzo Ferrer, normalmente ogni prima domenica del mese, (verificare con la parrocchia di San Nicola di Mandela se la Messa si celebra a San Vincenzo)

Progetto scuole: su richiesta, la visita guidata può comprendere anche il percorso naturalistico nel paesaggio descritto dal poeta Orazio e da Lord Byron. Possibilità di fare il picnic nel parco.
Info Scout: 334 9514121

Ingresso
Bosco romantico
(visita guidata di 1 ora)
Adulti: € 10.00
Ragazzi: € 6.00

Contatti
Borgo Mandela, 13
00020 Mandela (RM)

M. + 39 334 8370687

giardinidiorazio.org

Lazio

Giardini di Orazio - Castello di Mandela

Mandela, Roma

Giardino storico
Accessibile ai disabili
Adatto a famiglie
Parcheggio
Parzialmente accessibile ai disabili
Pernottamento
Pet Friendly
In Nome della Rosa

© Archivio Grandi Giardini Italiani

© Archivio Grandi Giardini Italiani

© Archivio Grandi Giardini Italiani

© Archivio Grandi Giardini Italiani

© Archivio Grandi Giardini Italiani

Come arrivare

In auto
Da Roma: prendere l'autostrada A24 direzione Pescara e uscire a Vicovaro-Mandela. Proseguire per Mandela.
Da fuori Roma: prendere la bretella autostradale ed uscire direttamente sulla A24, evitando il raccordo anulare (G.R.A).

In treno
Dalle stazioni di Roma Termini o di Roma Tiburtina (dove arrivano treni o pullman dagli aeroporti) prendere i treni della Linea Roma-Pescara, (anche in direzione Avezzano), fermata alla stazione “Mandela – Valle dell'Aniene – Sambuci” (dopo Tivoli).
Informazioni su Trenitalia.

Metropolitana + bus
Fermata Linea B Ponte Mammolo prendere il Cotral direzione Subiaco o per Mandela, con fermata Mandela Scalo.
Informazioni su Cotral Spa.

NB. Per tutti i trasporti pubblici. Tutti i mezzi si fermano a Mandela scalo da dove parte la circolare per Mandela paese (3 minuti), che si ferma accanto ai giardini (largo Pullara), tutti i giorni eccetto la domenica.

È il paesaggio intorno al castello il vero protagonista del parco e anche del giardino segreto, un giardino pensile con affaccio sul panorama.
Nel 1600 questo era un giardino arabo spagnolo, riservato per l'intimità del signore ma con la vista a perdita d'occhio sulla natura circostante fino alle montagne. Paesaggio che fu dipinto e ritenuto da J.P. Hackert (1737-1807) una delle dieci viste ideali della pittura paesaggistica del settecento, tutte situate nei dintorni della villa del poeta Orazio, in cui si trova il parco. Anche Orazio ne decantava la bellezza e il piacevole clima d'estate.
Nel parco, oltre a querce, cipressi e ulivi antichi, fu impiantato un boschetto romantico verso la fine del 1800, seguendo il disegno di un amico di famiglia, Jean Baptiste Camille Corot, “Les Jardins d'Horace”.
Oggi come ieri il suo charme è proprio quello di scoprire un po' per volta un vasto parco naturale e paesaggistico bagnato da due fiumi, tra cui l'Aniene, il quale, provenendo da Subiaco, alimentava i laghi paesaggistici della villa di Nerone, e che nel suo percorso verso Roma, poi passa per Villa d'Este e Villa Adriana.
Visitatori come Sir William Hamilton e Lady Emma, Goethe, Lord Byron, Victor Hugo, letterati e impressionisti francesi, venivano a vedere o a dipingerne le vedute, oltre i viaggiatori del Grand Tour alla scoperta degli scavi della villa d'Orazio, fino ad Anna Magnani, che come il poeta Orazio, veniva a rinfrescarsi solitaria nelle calme acque dell'altro fiume, il Licenza.