Great Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great Green
void

Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

Completa il tuo viaggio con Trenitalia. Acquista qui.
RADO Master of Materials
Gioca alla Caccia al Tesoro Botanico
Scopri i consigli di Compo
Scopri i consigli di Compo

Grandi Giardini Italiani Srl

Villa Erba - Cernobbio (CO) - Italia

Copyright Grandi Giardini Italiani Srl
P.I. 01151590112
Informazioni
sull'evento
TERMINA IL
15 Maggio 2022
IN CORSO

Castello di Miradolo

San Secondo di Pinerolo, Torino (Piemonte)

Scheda Giardino

Informazioni e prenotazioni
CASTELLO DI MIRADOLO
Via Cardonata, 2
10060 San Secondo di Pinerolo (TO)

T. +39 0121 502761
E. prenotazioni@fondazionecosso.it

Oltre il giardino. L'abbecedario di Paolo Pejrone
15 maggio 2021 - 15 maggio 2022

Biglietto
Mostra + Parco + Audio guida doppia (mostra e parco)
Intero: € 15.00
Gruppi, over 65, studenti fino a 26 anni, convenzioni: € 12.00
Ragazzi (6-14 anni)*: € 7.00
Bambini (3-6 anni)*: € 2.00
Baby (0-3 anni), Abbonati Musei, Torino + Piemonte card, Passaporto culturale: gratuito

Tariffa family (2 adulti + 2 bambini sopra i 6 anni): € 35.00

*comprensivo di kit didattico

GREEN PASS
A partire dal 6 agosto 2021 sarà garantito l'accesso alla mostra “Oltre il giardino. L'abbecedario di Paolo Pejrone” e al Parco solo se si è in possesso di:
– certificazione verde COVID-19
– la guarigione dall'infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi)
– effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore)

Queste disposizioni non si applicano ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale (minori di 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute.

Cover

OLTRE IL GIARDINO

L’abbecedario di Paolo Pejrone

La stagione 2021 della Fondazione Cosso parte con una grande mostra, Oltre il giardino. L'abbecedario di Paolo Pejrone, dedicata ai progetti e al pensiero dell'architetto Paolo Pejrone, collaboratore di Russell Page e Roberto Burle Marx e autore di alcuni dei più importanti e significativi giardini del mondo.

Dal 15 maggio e per un anno intero, le quindici sale del Castello di Miradolo e i sei ettari del parco all'inglese, che circonda l'antica dimora e in cui è possibile incontrare alcune specie botaniche provenienti da tutto il mondo oltre a cinque alberi monumentali, racconteranno il famoso architetto.

L'esposizione, a cura di Paola Eynard e Roberto Galimberti, si svilupperà attorno al concetto di abbecedario: un cammino ideale, in rigoroso disordine alfabetico, di pensieri, riferimenti, dubbi e speranze, per imparare a leggere non soltanto il giardino ma i grandi temi che, nella contemporaneità, rappresentano la sfida che stiamo vivendo nel rapporto tra uomo e ambiente. La A di anarchia e di alberi, la T di tempo, la P di pazienza, la S di sogno, la C di calma - in giardino serve averla, la O di orto - la passione di una vita, sono soltanto alcuni esempi.

Elementi cruciali del progetto saranno la stagionalità dell'esposizione e il percorso della mostra, che si snoda tra interno ed esterno, e che permetterà al pubblico di scoprire l'Orto del Castello, disegnato e progettato dall'Architetto Paolo Pejrone appositamente per questo luogo. Rinasce così anche l'anima rustica del Castello, contrappunto di quella nobile, che diventa visitabile per la prima volta dopo il recupero dell'antica cascina e dell'aia.

La mostra durerà un anno e condurrà il visitatore in un viaggio ''oltre il giardino”, attraverso il pensiero, la filosofia, il “mondo'' personale e segreto, di Paolo Pejrone: le parole costruiranno un dialogo immaginario con importanti opere d'arte, da Fortunato Depero a Filippo De Pisis, da Jessie Boswell a Giulio Paolini, da Piero Gilardi a Paolo Paschetto, autore dell'emblema della Repubblica italiana, e con oggetti, fotografie, acquerelli, progetti, memorabilia, video installazioni che cambieranno nel tempo. La mostra, come il giardino, crescerà, muterà, si evolverà attraversando le quattro stagioni, in un ideale contrappunto di pensieri e riferimenti.

L'esposizione sarà completata da una installazione sonora appositamente dedicata, a cura del progetto artistico Avant-dernière pensée.