Grandi Giardini Italiani Srl

c/o Villa Erba
Largo Luchino Visconti, 4
22012 Cernobbio (COMO)
Italy

© Giulio Riotta

© Giulio Riotta

© Giulio Riotta

© Giulio Riotta

© Giulio Riotta

© Giulio Riotta

© Giulio Riotta

Lazio

Giardini Botanici di Stigliano

Canale Monterano, Roma

Giardino moderno
Accessibile ai disabili
Dove dormire
Dove mangiare
Parcheggio
Pet Friendly
Wi-Fi Area
In Nome della Rosa

Come arrivare

In auto
Da Nord: Autostrada del Sole A1 uscita Orte – superstrada per Viterbo uscita Viterbo Sud – Via Cassia Direzione Roma, raggiungere Manziana e proseguire in direzione di Canale Monterano – Tolfa, al km 31 svoltare a sinistra seguendo le indicazione per Stigliano.
Da Sud: Roma Cassia bis SS2 direzione Viterbo, uscita per Cesano, proseguire per la via Braccianese, superare Bracciano e Manziana e proseguire in direzione di canale Monterano – Tolfa, al km. 31 svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per Stigliano.
Dall'Autostrada Roma – Civitavecchia: uscita Cerveteri, proseguire per Bracciano e Manziana e proseguire in direzione di canale Monterano – Tolfa, al km. 31 svoltare a sinistra seguendo le indicazioni per Stigliano.

Cenni storici

Sono le acque le regine di Stigliano: le nove diverse sorgenti e i due fiumi che lo attraversano ne fanno un luogo irripetibile. Termali e curative, queste acque possono vantare una storia millenaria.
Dopo gli Etruschi, i primi affascinati dall'incanto del luogo furono i Romani, che elessero Stigliano a residenza termale. Alcune testimonianze delle Termae Stygianae si possono ancora ammirare nel parco, come le rovine delle terme romane, ampliate dall'imperatore Tiberio, e la strada consolare. Già nel Settecento il principe Altieri restituì alle aquae stygianae il loro antico ruolo d'eccellenza. Riaprendo le terme al pubblico ed edificando in prossimità delle sorgenti un albergo e una chiesetta, diede vita a un piccolo borgo. E oggi, dopo un secolo di abbandono, le Terme imperiali, l'albergo, il borgo settecentesco e il parco hanno riacquistato il loro antico splendore e rappresentano un punto di incontro tra bellezza naturale e costruita.
La presenza delle acque termali che scorrono in profondità ha reso la flora di Stigliano straordinariamente esuberante. L'eccezionale microclima arricchisce la flora tipica del Lazio di specie endemiche, esclusive del parco, che esibiscono fioriture diverse in ogni stagione.
Il parco di venti ettari, completamente restaurato dalla marchesa Umberta Patrizi Montoro, si snoda lungo un itinerario magico tracciato dai percorsi dell'onnipresente acqua. Aceri, querce centenarie, lecci, roveri, noccioli, tamerici e bambù giganti si associano alla predominante distesa di pini romani in geometria onirica. Nel sofisticato gioco di profumi e colori di questo spazio anche la fauna del parco presenta una straordinaria diversificazione: aironi, falchi, civette, istrici, tassi, volpi, donnole e faine ne sono ospiti assidui.

Parco termale

Il rigoglioso parco è immerso in un contesto di colline verdi di 20 ettari, con ben 5 fonti termali da cui sgorga acqua di natura solfo-iodica ipertermale (da 36°C a 56°C).

Circondato da questa meravigliosa oasi incontaminata il Grand Hotel delle Terme di Stigliano, una Dimora nata su resti di antichi templi romani, offre ospitalità sin dal 1700 in un ambiente elegante e raffinato.
Img
Grandi Giardini ItalianiGreat Gardens of the WorldGardens of SwitzerlandComo the electric lakeThe Great GreenAICC Associazione Imprese Culturali e CreativeCOMPO
25° anniversario
< Indietro
Giardini Botanici di Stigliano
immagine

Biglietteria GRANDI GIARDINI ITALIANI

A Natale regala l'emozione di un Grande Giardino Italiano