Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Villa d'Este a Tivoli
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Villa d'Este a Tivoli

Tivoli , Roma

Bookshop
ScopriVideo

Contatto

Piazza Trento, 5
00019 Tivoli (Roma)

Tel. +39 0774 312070
Biglietteria +39 0774 332920
Servizio disabili +39 0774335850
Call center 199 766 166

Fax amministrazione +39 0774 318080
Fax prenotazione disabili +39 0774 335850

Per le prenotazioni dall'estero
Tel +39 0412719036
Fax +39 0412770747

Coordinate GPS:
Latitudine: 41.963312
Longitudine: 12.795806

Sito Web

Scrivi al giardino

Visualizza la mappa

Aperture

Da martedì a domenica
Chiuso il lunedì e il 1° Gennaio, il 1° maggio e il 25 dicembre. Se il lunedì è giorno festivo, il monumento è aperto al pubblico e la chiusura settimanale viene posticipata al primo giorno feriale successivo.

Gennaio: 8.30-17.00
Febbraio: 8.30 - 17.30
Marzo: 8.30 - 18:15 (con ora legale 8.30 - 19.15)
Aprile: 8.30 - 19.30
Maggio - Agosto: 8.30 - 19.45
Settembre: 8.30 - 19.15
Ottobre: 8.30 - 18.30 (con ora solare 8.30 - 17.30)
Novembre-Dicembre: 8.30-17.00

Le biglietterie chiudono un'ora prima
Visite scolastiche su prenotazione obbligatoria

Eventi
Domenica al museo, ingresso gratuito ogni prima domenica del mese
Villa D’Este di notte, aperture straordinarie con eventi collaterali dalla prima settimana di luglio alla seconda settimana di settembre ogni venerdì e sabato.

Costi

Intero € 8,00
Ridotto € 4,00

Le tariffe possono subire variazioni in occasioni di mostre.


Domenica al museo: ingresso gratuito ogni prima domenica del mese

Come arrivare
In auto
Autostrada A24, uscita Tivoli

In treno
Dalla Stazione di Termini treni della Linea Roma-Pescara, fermata Stazione Tivoli
Per informazioni Trenitalia

In pullman
Linea Cotral Roma -Tivoli (capolinea di Roma: fermata metro Ponte Mammolo; fermata di Tivoli: Largo Nazioni Unite).
Per informazioni: Cotral Spa
Presentazione
Villa d'Este, capolavoro italiano dell'arte dei giardini, patrimonio dell'umanità Unesco, con la sua impressionante concentrazione di fontane, ninfei, grotte, giochi d'acqua e musiche idrauliche costituisce un modello più volte emulato nei giardini europei manieristi e barocchi. Il prestigio del giardino aumenta ulteriormente se la sua bellezza viene considerata nel contesto paesaggistico, artistico e storico di Tivoli, con rovine come Villa Adriana e un territorio di forre, caverne e cascate.

Il cardinale Ippolito II d'Este, governatore di Tivoli dal 1550, fece rivivere qui i fasti delle corti di Ferrara, Roma e Fontainebleau, e rinascere la magnificenza di Villa Adriana. Dopo il 1560 si chiarì il progetto del pittore-archeologo-architetto Pirro Ligorio, poi realizzato dall'architetto di corte Alberto Galvani. Alla morte del cardinale (1572) l'allestimento era quasi completato, ma purtroppo non abbiamo testimonianza di parte del fasto iniziale, perché sono andati dispersi i preziosi arredi e la collezione di statue antiche. Nel secolo successivo si registrarono nuovi importanti lavori che coinvolsero grandi maestri come Gian Lorenzo Bernini. Le sale del palazzo vennero decorate sotto la direzione di protagonisti del tardo manierismo romano, quali Muziano Agresti e Federico Zuccai.
Dopo un lungo periodo di abbandono, di spoliazioni e di degrado, la villa è diventata proprietà dello Stato Italiano, che ha avviato un programma di restauri. Tra i più recenti, il ripristino delle Fontane dell'Organo e del “Canto degli Uccelli”.

Ligorio Pirro

Architetto del paesaggio.

(1510 ca. – 1583)
Architetto, pittore, erudito e scrittore napoletano, si trasferì presto a Roma, dove, dopo aver dipinto facciate di edifici, s'interessò di storia dell'arte e d'antiquariato, tanto da ricevere l'incarico, da parte del card. Ippolito d'Este, di compiere scavi a Villa Adriana di Tivoli. Subito dopo, lo stesso prelato gli chiese di ideare e realizzare il fantastico giardino della sua villa, sempre a Tivoli: un progetto che rappresenta uno dei massimi capolavori manieristi dell'arte dei giardini, con un ricchissimo corredo di fontane, scalinate, terrazze e padiglioni. Fra sue altre opere, vanno menzionati il Casino di papa Pio IV, il Palazzo Torres Lancellotti, il nicchione del Belvedere, tutti a Roma. A partire dal 1568, si stabilì presso la Corte estense di Ferrara, continuando i suoi studi sulle antichità romane e locali. Fu autore del Libro delle antichità di Roma (1553).

Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
Rose
Le rose sono la tua passione? Scopri nuovi giardini in cui ammirarle, itinerari dedicati e tante curiosità!

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.