Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Villa Parravicini Revel
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Villa Parravicini Revel

Como

Giardino storico
ScopriGallery

Aperture

Su appuntamento, per gruppi di almeno 20 persone

Costi

Come arrivare
La Villa è nel cuore di Como.

In auto
Autostrada A9 MIlano-Como-Chiasso uscita Como Centro

In Treno
Collegamenti diretti da Milano sia tramite le Ferrovie dello Stato sia attraverso Trenord.
Si prega di consultare i siti per le informazioni e gli orari: www.trenitalia.it o www.trenord.it
Villa Parravicini Revel
Intorno alla metà del ‘700 è documentata la presenza della famiglia Della Torre proveniente da Rezzonico.
Il Cav. Aurelio Rezzonico muore nel 1816 lasciando al figlio Alessandro, minorenne, un'eredità oberata da debiti e ipoteche. La duchessa Maria Visconti di Modrone è la successiva proprietaria.
Ai primi del Novecento la facciata viene arricchita con l'aggiunta di cornici decorative alle finestre dal divenuto proprietario il conte Genova Thaon di Revel.
Genova fu insignito da parecchie onorificenze italiane e straniere fra cui il Collare dell'Annunziata e la Legion d'Onore.
Genova si sposò con Camilla Castelbarco Albani e ebbe 5 figli: Sabina, Ottavia, Carla, Antonio e Umberto. Alla sua morte, lasciò questa villa alla figlia Ottavia, non sposata la quale andò a vivere con la sorella Sabina sposata Emiliano Parravicini di Parravicino.
La villa era utilizzata come residenza estiva fino al 1927. Sabina ebbe 3 figli, Camilla (1896), Maria Genova (detta Poppi) (1897) e Antonio (1899).
Genova morì il 3 settembre 1910 in questa villa.
Camilla si sposò nel 1917 col Capitano di Corvetta della Marina dello Zar Sasha Sossnovsky e nel 1927 si stabilirono definitivamente a Como.

La villa è sviluppata su due piani, sovrastati da un timpano e vi si accede attraverso una corte aperta verso un'esedra, posta sulla via Museo Giovio, che consentiva il “giro delle carrozze”.
Il giardino verso il lago, ridotto negli anni Cinquanta per dar posto alla pedonale per villa Olmo, si compone di aiuole informali a prato, ornate con stagionali, con quinte laterali in esemplari sempreverdi foggiati.
Un glicine riveste la cancellata, parzialmente inglobata dal tronco di un grande Tiglio.
Una Magnolia, un tempo all'interno del perimetro del Parco, giace ancora ad ombreggiare la zona di sosta della pedonale in corrispondenza dell'ingresso della darsena.

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.