Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Parco Sola Cabiati - ReGiS
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Parco Sola Cabiati - ReGiS

Gorgonzola, Milano

Adatto a famiglie
Animali domestici vietati
Parzialmente accessibile ai disabili
Ristorazione
Wi-Fi Area
ScopriGallery

Aperture

Da aprile a settembre: dalle 8.00 alle 20.00
Da ottobre a marzo: dalle 8.00 alle 17.30

Costi

Ingresso libero

Come arrivare
In auto
A51 Tangenziale Est di Milano in direzione di Via Monte Grappa/Viale Monza/SP13 a Agrate Brianza. Prendere l'uscita 15 Agrate Brianza.
Continuare su SP13 fino all'arrivo al Parco.

In metro
Dalla Stazione Ferroviaria di Milano Cadorna, Linea Verde M2 in direzione Gessate, fermata Gorgonzola. Poi proseguire a piedi fino all'arrivo per circa 1 km.
Cenni storici
Il parco Sola Cabiati è un antico giardino storico, di derivazione Cinquecentesca, che sorge nel Comune di Gorgonzola, nell'hinterland milanese. Il giardino, oggi parco pubblico, è il risultato dell'evoluzione del paesaggio storico della città.

La sua creazione si deve alla famiglia Serbelloni. Fu infatti Gabrio Serbelloni a volere la costruzione di una residenza di campagna sui possedimenti di famiglia.
In origine l'impianto del giardino era quindi di tipo formale, arricchito da statue e composto da un sistema di viali ortogonali, con al centro un rondò circolare e circondato da territori agricoli.

Fu grazie all'intervento Ottocentesco dell'architetto Simone Cantoni, figura di prim'ordine nella scena lombarda del tempo, che il parco mutò radicalmente il proprio aspetto e i rigidi schemi illuministi vennero sostituiti da un aspetto più paesaggista e romantico, come voleva la moda del tempo.
Il parco accolse quindi un bosco naturale, finte grotte, tempietti e rovine. Vennero creati movimenti di terreno, il laghetto con imbarcadero e le collinette belvedere su questo.

Il duca Gian Ludovico Sola Cabiati donò al Comune di Gorgonzola il parco nel 1967, che venne a lui intitolato. I lavori per la conversione al pubblico utilizzo videro l'introduzione dell'area gioco e la costruzione di un piccolo zoo, oggi scomparso.
Nel 2007 l'ultimo intervento sul parco propone alcune nuove introduzioni, tra cui il percorso salute, e rivede il rapporto del parco con l'adiacente viale pedonale alberato e le aree gioco.

Il parco che osserviamo oggi è quindi il risultato di scelte progettuali precise che lo hanno reso un simbolo della città, oltre che la sua principale area vedere storica, dotata di servizi e attrazioni per l'utenza di ogni età

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.