Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Villa d'Este
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

PRIVACY POLICY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che questo modulo invia i dati "E-mail" e "Richiesta" da te inseriti direttamente ai responsabili del Giardino da te scelto. Tali dati non vengono archiviati dal Titolare del trattamento e hanno la sola finalità di fornire il servizio di contatto. Cliccando sul bottone "Invia" confermi di aver preso visione dell'informativa sul trattamento dei dati e autorizzi i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite e-mail.

Invia

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Villa d'Este

Cernobbio, Como

Animali domestici accettati
Bookshop
Parcheggio
Parzialmente accessibile ai disabili
Pernottamento
Ristorazione
Wi-Fi Area
Giardino storico
ScopriGallery

Orari di apertura

Dall'8 marzo al 14 novembre 2018

Per maggiori informazioni si prega di contattare l'Ufficio Food & Beverage
food.beverage@villadeste.it

Ingresso

Come arrivare
In auto
Autostrada A9 Como-Chiasso fino all'uscita Como Lago (l'ultima uscita prima del confine svizzero). Una volta usciti dall'autostrada seguire le indicazioni per Cernobbio ed attraversare il paese. L'ingresso della Villa è sulla destra.

In treno
Con i treni provenienti dalla Germania e dalla Svizzera e diretti a Milano Centrale scendere alla Stazione di Como San Giovanni.
Da Milano Centrale ogni ora partono treni diretti alla Stazione di Como San Giovanni.
Il trasferimento dalla stazione di Como all'Hotel richiede, in auto, circa 10 minuti.

In aereo
Distanza dall'Aeroporto di Milano Linate:83 Km
Distanza dall'Aeroporto di Milano Malpensa: 67 Km
Distanza dall'Aeroporto di Lugano Agno: 34 km
Presentazione
Situata sulle rive del Lago di Como, uno dei più romantici al mondo, Villa d'Este è circondata da un meraviglioso parco privato di dieci ettari. Costruita nel 1568 come residenza estiva del Cardinale Tolomeo Gallio su progetto dell'architetto Pellegrino Tibaldi, detto il Pellegrini, la villa è rimasta proprietà della famiglia per oltre due secoli. Negli anni a seguire ha visto il succedersi di diversi proprietari illustri sino al 1873, anno in cui è stata trasformata in Hotel di lusso, divenendo meta prediletta della grande aristocrazia europea e tappa immancabile del Grand Tour. Oggi Villa d'Este più che un Hotel è una destinazione, luogo di charme celebrato in tutto il mondo. Le 152 camere, divise tra l'Edificio del Cardinale e il Padiglione della Regina, sono una diversa dall'altra ma tutte arredate con mobili d'epoca dall'inconfondibile gusto rinascimentale e dotate di ogni moderno comfort. Le quattro ville private, situate all'interno del parco di Villa d'Este, offrono tutti i servizi dell'albergo uniti alla privacy ed esclusività di una casa privata. Dal 1913 il parco e la Villa sono classificati Monumento Nazionale.
Nel corso del tempo il parco ha in parte perso l'impostazione cinquecentesca; rimane come testimonianza il celebre ninfeo, decorato a mosaico con ciottoli policromi, che ha la grandiosità scenografica del barocco romano: fa da ingresso e da base alla doppia catena d'acqua che percorre la prospettiva fino alla statua di Ercole e Lica.
Nel 1815 Principessa Carolina di Brunswick, al tempo proprietaria della villa, aggiunse al parco elementi tipici dei giardini all'inglese: piccoli sentieri, vialetti, ponticelli e il neoclassico Tempietto di Telemaco. Intervento paesaggistico importante è stato quello della contessa Peluso, che fece realizzare nella zona alta, ad est del viale di cipressi, un complesso di mura e finti fortilizi, tutt'ora esistenti. I comparti del giardino inferiore sono costituiti da vasti prati delimitati da bossi scolpiti a palla, mentre nei pressi del Padiglione della Regina prosperano abeti rossi, magnolie, cipressi e dei platani. La zona del ninfeo è caratterizzata da bossi, rose, pittosfori ed edera. Il viale che accompagna la catena d'acqua è fiancheggiato da cipressi, allori e magnolie. Nel 2004 fu inaugurato il “Giardino dello Chef”, sul tema dell'antico “jardin potager”. Situato sulla salita panoramica tra il Viale dell'Ercole e il Tempietto di Telemaco, l'orto botanico è il regno dello Chef, che sceglie ogni giorno le erbe aromatiche e le verdure fresche per le sue deliziose ricette. Gli ospiti dell'Hotel che partecipano alle sue lezioni di cucina hanno il privilegio di accompagnarlo. Nell'inverno 2017 sono stati piantumati nuovi platani nell'area dove un tempo sorgeva il grande e storico platano.

Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
Pernottamento

ARGOMENTO
Pernottamento & Ristorazione

ARGOMENTO
Ristorazione

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Termini e condizioni

Iscrizione alla Newsletter

54.144.16.135 - Wed Jun 20 13:02:08 2018 (UTC Time)
Privacy Policy