Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Castello di Miradolo
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Invia

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Castello di Miradolo

San Secondo di Pinerolo, Torino

Adatto a famiglie
Animali domestici accettati
Bookshop
Eco friendly
Parzialmente accessibile ai disabili
Ristorazione
Giardino paesaggistico
GalleryScopriVideo

Aperture

Per conoscere gli orari di apertura consultare il sito della Fondazione Cosso oppure telefonare allo 0121.502761

Aperto su prenotazione anche oltre il normale orario di apertura

Costi

Ingresso parco: 10,00 euro comprensivo di audioracconto stagionale

Ingresso Castello: prezzo variabile secondo la stagionalità e gli eventi in corso

Come arrivare
In auto
Dalla tangenziale di Torino imboccare l'Autostrada del Pinerolese.
Al termine dell'autostrada proseguire su SR23 in direzione Sestriere fino all'uscita per San Secondo di Pinerolo. Alla rotonda seguire a destra le indicazioni per il Castello di Miradolo che dista 500 metri circa.

In treno
Dalla stazione di Torino Porta Nuova SFM Linea 2 per Pinerolo

In taxi
Per il servizio taxi per il Castello di Miradolo, rivolgersi al sig. Bertello (333 7266610).
Per assicurarsi la disponibilità, prenotare il servizio in anticipo.
Servizio in orario diurno (dalle ore 9 alle ore 18:30).
Cenni storici
Sede operativa della Fondazione Cosso, il Castello di Miradolo sorge accanto alle colline di Pinerolo, all'imbocco della Val Chisone e della Val Pellice, dove il Monviso regala agli occhi lo spettacolo della sua maestosa imponenza. Un parco di oltre sei ettari circonda la dimora, anticamente di proprietà delle famiglie Massel di Caresana e Cacherano di Bricherasio: ispirato al giardino informale inglese, si caratterizza per una forma vagamente ovale arricchita e resa piacevole da anse di rigogliosa vegetazione che si affacciano su un grande prato centrale. Il parco ha origini settecentesche e lascia trasparire ancora oggi gli orientamenti progettuali e il gusto di chi ne curò l'ampliamento nel corso dell'Ottocento conferendogli sembianze paesaggistiche di gusto romantico. Maestosi alberi centenari e specie esotiche colpiscono per la loro bellezza: all'ingresso del parco il visitatore incontra la radura dei tassodi, il Ginkgo biloba e l'ippocastano; poco più avanti il vecchio tasso che affaccia sul grande prato centrale. Le alte siepi di bosso che corrono lungo le mura di cinta accompagnano gli ospiti alla scoperta degli altri giganti del parco tra cui compaiono la sequoia, il bosco di bambù, il vecchio faggio asplenifolia e il liriodendro, l'albero più alto del parco. La presenza di numerosi corsi d'acqua e la posizione particolarmente felice da un punto di vista climatico, fanno del luogo un sito di notevole interesse anche dal punto di vista ecologico, rendendolo habitat ideale per molte specie animali e vegetali come le numerose varietà di ortensie. Il percorso intorno al Castello conduce inoltre alla scoperta della caratteristica torre a pianta circolare e della citroniera neogotica, ampio spazio per iniziative culturali, ricevimenti e meeting.

Nel 2017, a distanza di 10 anni da quando la Fondazione Cosso ha iniziato a prendersi cura del Parco è nato il progetto di valorizzazione Invito al Parco con nuovi supporti alla visita come l'audio racconto stagionale e le mappe, anche per non vedenti e non udenti. Visite guidate tematiche, laboratori, approfondimenti e attività per ogni fascia d'età hanno luogo tutto l'anno, nelle quattro stagioni.

Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
Caccia al Tesoro Botanico
I più bei Giardini visitabili d'Italia aspettano a Pasquetta tutti i bambini per una speciale iniziazione botanica!

ARGOMENTO
CAMELIE

ARGOMENTO
Progettisti, creatori e giardinieri dei Grandi Giardini Italiani
a cura di Mariachiara Pozzana

ARGOMENTO
Ristorazione

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.