Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Giardino di Villa Parravicino Sossnovsky
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Giardino di Villa Parravicino Sossnovsky

Erba, Como

Orto botanico
ScopriGallery

Aperture

Da maggio a novembre su prenotazione.

Costi

Intero: € 5,00
Ridotto: € 3,00

Come arrivare
In auto
Dista circa 12 Km dalla città di Como percorrendo la SP342

In treno
Utilizzare la linea ferroviaria Trenitalia o Le Nord per i collegamenti dalla Svizzera o da Milano per Como. Proseguire via pullman
Per informazioni: www.fsitaliane.it

In Pullman
Dal piazzale della stazione di Como partono autobus della linea ASF Autolinee Srl che collegano la città al Giardino
Per informazioni: www.asfautolinee.it

Cenni storici
Villa Parravicino Sossonovsky sorge nel borgo medievale di Parravicino, sulle colline di Erba (CO), al confine con Albavilla. E' una dimora nobile di campagna, nella quale l'eleganza e la raffinatezza non escludono l'attenzione alla praticità e al mondo rurale.

Il viale d'ingresso conduce a quella che era una tipica corte nobile lombarda. Il Conte Emiliano Parravicini, nonno dell'attuale proprietario, la smantellò a fine Ottocento per creare un giardino all'inglese, caratterizzato da tappeto verde, linee morbide, conifere latifoglie ad alto fusto. Le colonne del porticato furono spostate nella corte rustica, dove fungono da sostegno per una rosa banksiana color avorio. Una piccola porzione dell'acciottolato della corte nobile è stata riportata alla luce all'inizio degli anni Ottanta ed è visibile sotto un berceau di glicine. A fianco, si innalza l'elegante facciata con scalinata doppia, fronteggiata da una magnolia pluricentenaria.

L'interno dell'edificio, risalente alla fine del Cinquecento, riserva una sorpresa emozionante: un salone con affreschi rinascimentali e un monumentale camino in pietra. Inoltrandosi nel prato, all'ombra di un maestoso cedro dell'Himalaya, si costeggia il recinto per i cavalli e si giunge al roccolo di caccia e al lavatoio, che segnano il confine con il podere, ancora oggi destinato alla coltivazione di granoturco, ortaggi e frutti. Sul pendio oltre il recinto dei cavalli cresce una sughera (Quercus suber) che, per portamento, forma e rarità. È stata inclusa nel censimento degli alberi monumentali della Lombardia.

Nella corte rustica, alla quale si arriva costeggiando un boschetto di bambù e alcuni antichi edifici rurali, si ammirano due Olea fragrans una porzione della strada acciottolata medievale che congiungeva i borghi di Casiglio e di Parravicino, un tempo tutto di proprietà della casata dei Parravicini.

Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
Secret Gardens
Scopri il meraviglioso mondo dei Grandi Giardini Italiani Segreti!

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.