Scrivi
Grandi Giardini Italiani
Villa Ottolenghi Wedekind
Scrivi per avere informazioni. Tutti i campi sono obbligatori

INFORMATIVA SULLA PRIVACY
Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per i soli fini di contatto che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Invia" autorizzi il titolare del trattamento ed i responsabili del Giardino scelto a contattarti tramite i canali da te forniti. Potrai esercitare i diritti previsti ai sensi del d.lgs.196/03 (Codice in Materia di Protezione dei Dati Personali).

Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Giardini
Go to English Version

Villa Ottolenghi Wedekind

Acqui Terme, Alessandria

Accessibile ai disabili
Adatto a famiglie
Animali domestici accettati
Degustazione Vini
Wi-Fi Area
GalleryScopriVideo

Contatto

Borgo Monterosso
15011 Acqui Terme (AL)

Tel. + 39 02 94699507
Mob. + 39 348 4520842
Fax +39 0144 322177 - +39 02 9405060

Coordinate GPS:
Latitudine: 44.689541
Longitudine: 8.478742

Sito Web

Scrivi al giardino

Visualizza la mappa

Aperture

Tutti i venerdì, sabato e domenica
visita guidata alle ore 14,30
Altri giorni solo su prenotazione per gruppi (oltre 10 pax)

Tempi di visita guidate:
Per tutti gli ambienti della Villa – Giardino – Cantina (1 ora e mezza)
Per il Tempio di Herta (1 ora)
Degustazione vini aziendali (30 minuti circa)

Costi

Visite guidate e percorsi guidati tematici
Condotta dal personale già preposto all’accompagnamento
1) Visita guidata Villa – Giardino – Cantina € 10,00
2) Visita Tempio di Herta € 10,00
3) Visita ad entrambi € 15.00 scontato

Convenzioni di sconto
Le convenzioni che danno diritto all’ingresso ridotto sono: T.C.I. , Arci, Fai, Insegnanti.

Come arrivare
In auto
Autostrada A7 uscita Ovada, proseguire su A231 uscita Alessandria Sud. Prendere SP30 direzione Acqui terme fino all'arrivo

In treno
La Villa è raggiungibile facilmente dalla stazione ferroviaria di Acqui Terme dalla quale proseguire in taxi fino al complesso

In bus
Linea 022 Alessandria – Cassine - Acqui Terme gestita da Arfea Srl.

Cenni storici
Nei pressi di Acqui Terme, disegnato sul morbido profilo delle colline del Monferrato, tra vigneti e boschi, è stato costruito dal 1955 uno dei più straordinari giardini moderni visitabili oggi in Italia, creato da Pietro Porcinai attorno ad una villa opera di Marcello Piacentini ed altri architetti razionalisti.

Il giardino che vive in rapporto alle architetture, è voluto da Astolfo figlio del primo proprietario Arturo Ottolenghi il quale insieme alla moglie artista Herta von Wedekind zu Horst, aveva fatto costruire la villa e il vicino edificio separato da un prato, e destinato a residenza per artisti. Nel segno dell'arte come ragione di vita, si dipana l'avventura di villa Ottolenghi, che viene condotta sul filo della ricerca dell'eccellenza dagli Ottolenghi, i quali coinvolgono nell'impresa a partire dagli anni Venti, i protagonisti della scena artistica del primo Novecento: da Marcello Piacentini, a Vincenzo Vaccaro, a Venanzo Crocetti ad Arturo Martini, che realizzerà sul posto la scultura Tobiolo al centro della grande fontana nell'ampio prato. Dopo l'interruzione della guerra i lavori riprendono e nel 1955 Astolfo invita Porcinai ad occuparsi del giardino che non aveva ancora avuto un precisa sistemazione. Da allora sino agli anni Settanta, Porcinai lavorerà in diversi momenti al giardino Ottolenghi .

Articolato attorno ai due corpi di fabbrica della villa e degli studi degli artisti, il progetto di Porcinai riesce a collegare un sistema di spazi che si presentava frammentato. Dal lato della casa degli artisti l'enorme prato movimentato da una ondulata duna viene racchiuso da un giardino roccioso verso l'ingresso dallo splendido disegno a fiore, mentre lungo il pergolato una lunghissima aiuola di fioriture, conduce lo sguardo verso la metafisica quinta ad archi della casa degli artisti. Nella villa il progetto del giardino integra la maglia quadrata del cortile con una più larga maglia reticolare del grande giardino terrazza aperto con una sinuosa balaustra sul panorama di Acqui Terme. I quadrati del reticolo si riempiono di prato, di fiori e di rose creando una armoniosa scacchiera, mentre i più piccoli quadrati del cortile alternano elementi vegetali a disegni in ciottoli che riprendono il tema delle vigne circostanti, ricordandoci che Villa Ottolenghi è stato ed è anche luogo di produzione di eccellenti vini.

Porcinai Pietro

Architetto del paesaggio.

(1910 – 1986)
Paesaggista e architetto di giardini toscano, nato da una famiglia di vivaisti, si diplomò in agraria, ma presto lasciò la Toscana e viaggiò a lungo in Inghilterra, Germania e Belgio. In questi paesi egli studiò, ma soprattutto si aprì a nuove tematiche di natura botanica, come la fitosociologia e l'ecologia, che si rivelarono poi fondamentali per la sua formazione di architetto di giardini. Fu attivo negli anni Trenta in Toscana (Villa ‘I Collazzi' a Firenze, piscina) e in Liguria (Villaggio Operaio a Panzano Magra). Dopo la guerra collaborò per la ricostruzione di quartieri berlinesi e fu tra i fondatori, a Londra, della International Federation of Landscape Architects (1948). Fra gli anni Cinquanta e Ottanta fu autore di numerosi progetti di giardini privati e pubblici in tutta Italia, fra i quali vanno ricordati il recupero del Parco Sempione di Milano e la realizzazione del Parco di Pinocchio a Collodi, con P. Consagra e M. Zanuso.
Da sapere
I visitatori di Villa Ottolenghi potranno immergersi nella magica scenografia del parco opera del famoso architetto paesaggista Pietro Porcinai, visitare il mausoleo, o Tempio di Herta, il museo privato degli Ottolenghi, la Cantina e troveranno, nelle sale della villa, un'ambientazione unica e suggestiva per ricevimenti privati e cene di gala, una location ideale per matrimoni ed eventi in genere.

Argomenti & Prossimi eventi

ARGOMENTO
Secret Gardens
Scopri il meraviglioso mondo dei Grandi Giardini Italiani Segreti!

ARGOMENTO
Vino
Scopri i più bei Giardini-Vigneto d'Italia, itinerari dedicati, curiosità e novità sul vino!

17
/04

UNICA DATA 17 APRILE 2017
Pasquetta in una fortezza razionalista
Caccia al Tesoro Botanico Grandi Giardini Italiani

Altri
Giardini
nelle vicinanze

Scopri
cosa fare,
dove mangiare,
dove dormire

Quali città vedere
qui vicino

Iscriviti alla nostra newsletter

Iscriviti
Informativa sulla privacy

Grandi Giardini Italiani, in qualità di Titolare del trattamento, ti informa che i dati che fornirai saranno utilizzati solo per trasmetterti via email la newsletter che hai richiesto. Cliccando sul bottone "Iscriviti" autorizzi il titolare del trattamento ad inviarti la Newsletter. Potrai esercitare i diritti previsti all'art. 7 D.Lgs.196/2003 ed in particolare chiedere in qualsiasi momento la cancellazione cliccando sul link apposito presente in ogni Newsletter.