Cerca
Grandi Giardini Italiani
Ricerca nel sito
Cerca un termine in Giardini
Articoli
Grandi Giardini Italiani
TwitterFacebook

Grandi Giardini Italiani
in Musica

Un itinerario che ti condurrà alla scoperta di luoghi che profumano di musica

Grandi Giardini Italiani in musica è un itinerario che ti condurrà alla scoperta di luoghi che profumano di musica, giardini in cui la grande musica è protagonista o è più semplicemente la colonna sonora della tua visita.

Che il legame tra musica e giardino sia molto forte lo testimoniano le composizioni di Georg Friedrich Handel che al Castello Ruspoli di Vignanello scrisse la Resurrezione e il Salve Regina o quelle del compositore e pianista Franz Liszt che scelse come meta per la sua luna di miele con Marie Cathèrine de Flavigny, Contessa d'Agoult, Bellagio, la perla del lago di Como. Si racconta che a Villa Melzi d'Eril Liszt amasse passeggiare e sostare a leggere la Divina Commedia nei pressi della grande scultura di Gian Battista Comolli e che i giardini fossero fonte di grande ispirazione per le sue opere.

Più a Sud a Ischia nei Giardini La Mortella musica e giardino si fondono tanto da essere un tutt'uno indivisibile. I giardini sono un monumento perenne al genio e alla personalità di Sir William Walton, uno dei più importanti compositori inglesi del Novecento, nati per amore e passione di sua moglie Susana Walton. Alla morte del marito, Lady Walton, con i proventi ricavati dai diritti d'autore delle opere del marito, creò una Fondazione a lui intitolata che ha tra i suoi principi fondanti la promozione della cultura della musica e la cura del giardino. Ogni anno la Fondazione William Walton organizza tre stagioni concertistiche invitando a partecipare giovani talenti. I migliori sono premiati con borse di studio a sostegno del lungo percorso di perfezionamento.

Musica è l'imperativo che anima le estati del Giardino di Casa Pennisi ad Acireale, in provincia di Catania, uno dei pochi giardini antichi che ha resistito agli assalti della speculazione edilizia. Ogni anno in agosto questo scrigno botanico diventa luogo di incontro tra musica e architettura, uno spazio in cui la creatività ha modo di esprimersi e sperimentare tutte le forme necessarie a realizzare performance dal vivo. Qui infatti i giovani musicisti hanno l'opportunità di partecipare a Corsi di Alto Perfezionamento Musicale accompagnati nel percorso di apprendimento da un Maestro che possa condividere con loro i segreti della professione.

Profuma di musica il cartellone estivo di Palazzo Gromo Losa (Biella), Isola del Garda (San Felice del Benaco, BS), Il Vittoriale degli Italiani (Gardone Riviera, BS), Villa d'Este (Cernobbio, CO), Villa Carlotta (Tremezzina, CO), Villa Arconati (Castellazzo di Bollate, MI), Palazzo di Varignana (Varignana, BO), Palazzo Fantini (Tredozio, FC), Giardino Bardini (Firenze) e Villa San Michele (Anacapri, NA). Qui nella vecchia dimora del medico di corte e scrittore Axel Munthe, tra giugno e settembre, al calar della sera la musica riecheggia in terrazza o in cappella per tutta la notte regalando al visitatore emozioni senza tempo.

È ancora la musica in primo piano al Castello di Miradolo (San Secondo di Pinerolo, TO) dove sono due i momenti da vivere che salutano rispettivamente l'arrivo dell'estate e dell'inverno.

Intermezzi musicali, invece, con speciali appuntamenti animano il Castello e Parco di Masino – FAI (Masino Caravino, TO), la Rocca di Lonato del Garda (Lonato del Garda, BS), Villa della Porto Bozzolo - FAI (Casalzuigno, VA), i Giardini di Castel Trauttmansdorff (Merano, BZ), Arte Sella (Borgo Valsugana, TN), Parco delle Terme di Levico (Levico Terme, TN) e il Parco Giardino Sigurtà (Valeggio sul Mincio, VR): luoghi magici dove convive musica, arte e storia per accompagnare il visitatore in un percorso a suon di musica.

Infine i Grandi Giardini Italiani sono anche il setting scelto da artisti di fama nazionale e internazionale per ambientare i loro video musicali. Gli Zero Assoluto, Daniele Santoianni e Marracash hanno scelto la scenografica Sala da Ballo di Villa Arvedi (Grezzana, VR) per ambientare rispettivamente Di Te e di Me, Cercami e Sabbie mobili o ancora il recente videoclip de I miei rimedi di Noemi che, nelle vesti della regina Maria Antonietta, viene catapultata nelle atmosfere settecentesche della Reggia di Caserta (Caserta).

I giardini protagonisti della grande musica sono:

Piemonte
- Palazzo Gromo Losa (Biella)
- Castello di Miradolo (San Secondo di Pinerolo, TO)
- Castello e Parco di Masino – FAI (Masino Caravino, TO)

Lombardia
- Isola del Garda (San Felice del Benaco, BS)
- Il Vittoriale degli Italiani (Gardone Riviera, BS)
- Rocca di Lonato del Garda (Lonato del Garda, BS)
- Villa d'Este (Cernobbio, CO)
- Villa Carlotta (Tremezzina, CO)
- Villa Arconati (Castellazzo di Bollate, MI)
- Villa della Porto Bozzolo - FAI (Casalzuigno, VA)

Trentino Alto Adige
- Giardini di Castel Trauttmansdorff (Merano, BZ)
- Arte Sella (Borgo Valsugana, TN)
- Parco delle Terme di Levico (Levico Terme, TN)

Veneto
- Parco Giardino Sigurtà (Valeggio sul Mincio, VR)

Emilia Romagna
- Palazzo di Varignana (Varignana, BO)
- Palazzo Fantini (Tredozio, FC)

Toscana
- Giardino Bardini (Firenze)

Campania
- Villa San Michele (Anacapri, NA)
- Giardini La Mortella (Ischia, NA)

Sicilia
- Giardino di Casa Pennisi (Acireale, CT)
Palazzo Gromo Losa (Biella)
Musica è la parola chiave degli appuntamenti che animano il ricco cartellone della manifestazione Selvatica Film Festival che passa per Palazzo Gromo Losa attraverso eventi dedicati quali:
- Il Giardino Musicale sotto il ciliegio secolare, a cura dell'Accademia Perosi, 17 e 24 giugno, h 16.00-18.00
- Concerto della Giornata della Musica, sabato 23 giugno, h 21.00
- Un concerto a Colazione, mini-rassegna che rientra nella programmazione di “Suoni collaterali” (20 maggio, 10 e 24 giugno 2018)

Acquistato nel 2004 dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Biella, Palazzo Gromo Losa, dopo un attento lavoro di restauro, è stato presentato al pubblico nel settembre 2012, in occasione del ventennale dell'Ente.
Oggi si sta affermando sempre più come un polo dedicato all'arte e alla cultura. Testimone di questo intento vocazionale è la presenza al primo piano del Palazzo dell'Accademia Internazionale Superiore di Musica ''Lorenzo Perosi'', mentre in un'ala autonoma della struttura è ospitato il Centro Aiuto alla Vita che svolge la funzione di recupero e integrazione nei confronti di madri in difficoltà e dei loro bambini.


Castello di Miradolo (San Secondo Pinerolo, TO)
Nasce nel 2009, presso la Fondazione Cosso, il progetto artistico Avant-dernière pensée, a cura di Roberto Galimberti. L'obiettivo del progetto, che ha il suo centro di ricerca e sperimentazione al Castello di Miradolo, è di realizzare installazioni d'arte che, attraverso una nuova forma di esecuzione musicale, possano stabilire dei legami tra discipline artistiche differenti, superare la tradizionale distanza che intercorre tra pubblico e interpreti e plasmarsi sugli spazi interni ed esterni della dimora, con rimandi diretti alla storia del luogo, alla sua architettura, agli eventi espositivi.
Grazie a un inedito e innovativo sistema di ripresa e di diffusione del suono, sincronizzato con un disegno luci di forte impatto e suggestione e un sistema di proiezione di grandi video scenografie, il progetto pone al centro della scena pubblico e luogo dell'esecuzione.

Sono due gli appuntamenti da non perdere: il Concerto d'Estate (21 e 24 giugno) e il Concerto di Natale (24 dicembre).

Castello e Parco di Masino – FAI (Masino Caravino, TO)
Sono due gli appuntamenti con la musica da non perdere questa estate. Il primo è Notte Lirica al Castello (2 giugno), momento speciale nel medioevale Salone degli Stemmi, magnifico scenario di performance liriche della durata di circa 20 minuti, interpretate da Daniela Catalano e Rino Scaturro. Il secondo Ritmi e Armonie al Castello (9 giugno) è una serata musicale con Cecilia, giovane e prestigiosa arpista. La performace, della durata circa di 20 minuti, si terrà nel medioevale Salone degli Stemmi.

Il Castello di Masino fu dimora del nobile casato dei Valperga, che tradizione vuole discendente da Arduino, primo re d'Italia, che ne mantenne il possesso dalle origini, circa 1070, fino al 1988 quando fu acquistato dal FAI grazie alla donazione FIAT, Cassa di Risparmio di Torino e Maglificio Calzificio Torinese.
Dalla seconda metà del XVI secolo il Castello venne ricostruito nelle forme attuali sulle rovine dell'antico fortilizio, assumendo così le sembianze di una vera residenza di rappresentanza immersa in un vasto e splendido parco, che si sviluppa in due settori distinti orientati in direzione levante-ponente secondo la morfologia del terreno. Da non perdere in primavera la fioritura del Viale delle spiree costituito da circa 7.000 esemplari. Suggestiva la strada per raggiungere l'antico maniero. Conosciuta con il nome della Strada dei ventidue giri fu realizzata tra il 1840 e il 1847 per collegare Strambino al Castello, con ventidue tornanti caratterizzati da una graduale e costante pendenza, studiata per agevolare la salita delle carrozze.
Isola del Garda (San Felice del Benaco, BS)
Profuma di musica il cartellone estivo degli eventi di Isola del Garda a San felice del Benaco, in provincia di Brescia, che ha inizio il 28 aprile per chiudersi il 6 ottobre. Ogni anno, in questo periodo, artisti di fama e musicisti eseguono i loro brani in uno scenario incantevole, posto in una radura circondata da cipressi solenni e un panorama mozzafiato.
Isola del Garda è un luogo di rara bellezza, scoglio pittoresco che accolse popoli antichi. Fu poi la dimora di S.Francesco, S.Antonio da Padova, S.Bernardino da Siena e, probabilmente, Dante Alighieri.
Affacciato a sud si erge l'elegante palazzo dei primi del Novecento in stile neogotico-veneziano. Ai suoi piedi terrazze e giardini digradano fino al lago. Sulla terrazza centrale davanti alla Villa il giardino è in stile classico all'italiana con siepi sapientemente modellate che rappresentano varie figure ivi compreso lo stemma della famiglia De Ferrari che ha dato vita al giardino. Sulla terrazza inferiore, in riva al lago, si trovano alberi da frutto quali: kaki, limoni, peri, melograni, olivi, arance, pompelmi, fichi d'india, giuggiole e capperi. Nella zona pianeggiante dell'Isola si sviluppa, invece, il Parco dove si trovano cipressi sempre verdi, cipressi di palude, querce caduche, cedri, pioppi, lauri, platani, abeti e pini di varie specie frammisti ad arbusti ed essenze più tipicamente mediterranee. Aperto da pochissimo tempo ai visitatori, il Parco resta ancora oggi un segreto ben conservato.
Per scoprire il programma completo della stagione 2018 e prenotarsi ai concerti clicca qui.
Il Vittoriale degli Italiani (Gardone Riviera, BS)
Nella splendida cornice naturale dell'Anfiteatro dannunziano prende vita dal 23 giugno al 31 luglio il festival Tener-a-mente che vede tra gli altri la partecipazione di Francesco De Gregori (13 luglio) e Vinicio Capossela con l'Orchestra Filarmonica Arturo Toscanini (21 luglio).
Salutato da GQ Italia come uno dei 5 Festival più maturi del nostro Paese, insieme a rassegne storiche come Umbria Jazz e il Festival dei Due Mondi di Spoleto, per ciascuna edizione di Tener-a-mente sono oltre 600 i ritagli stampa su testate nazionali di grande diffusione, televisive, radiofoniche, cartacee e online.
Le esibizioni si svolgono in una conca marmorea sotto le stelle, così come il poeta Gabriele d'Annunzio immaginava il teatro ideale per rappresentare i propri spettacoli, sull'esempio di quello di Wagner a Bayreuth. Si sarebbe dovuto chiamare Parlaggio.
Fu il Vate stesso a scegliere il luogo: un punto panoramico del parco, da cui si ammirano l'Isola del Garda, il Monte Baldo, la penisola di Sirmione e, soprattutto, la suggestiva Rocca di Manerba, in cui a Goethe pare di riconoscere il profilo di Dante. I lavori furono affidati nel 1931 all'architetto del Vittoriale, Gian Carlo Maroni e iniziati negli anni successivi e repentinamente sospesi per difficoltà finanziarie, aggravate dall'inizio della guerra e dalla morte del poeta. Ripresi per volontà della Fondazione vent'anni dopo, terminarono nel 1952 a opera dell'architetto Mario Moretti e di Italo Maroni, fratello di Gian Carlo. L'8 agosto 1953 il teatro fu inaugurato con un concerto dell'Orchestra del Teatro alla Scala diretta da Carlo Maria Giulini l'8 agosto 1953.
Rocca di Lonato del Garda (Lonato del Garda, BS)
La Fondazione, che ha sede nella Rocca, voluta dal senatore bresciano Ugo Da Como (1869-1941). Istituita con Decreto Regio nel 1942 è ancora oggi una Istituzione privata, ma totalmente aperta al pubblico.
Lo scopo statutario è quello di “promuovere ed incoraggiare gli studi, stimolandone l'amore nei giovani” ed esplica la sua attività curando la conservazione delle collezioni storiche, librarie, archivistiche e artistiche, oltre che del cospicuo patrimonio architettonico monumentale.
In linea con lo spirito del luogo ogni anno in estate è organizzato l'evento Lonato in Festival. Durante la kermesse, quest'anno in programma dal 2 al 5 agosto, gli spazi del Parco e della Rocca sono animati dalle esibizioni di artisti di strada, circo contemporaneo, musica e gruppi etnici provenienti da più parti del mondo.
Villa d'Este (Cernobbio, CO)
Il legame tra Villa d'Este e la musica ha radici profonde. Già nel 1800, infatti, il Grand Hotel annoverava tra i suoi ospiti i più importanti compositori italiani e stranieri: Giuseppe Verdi, Vincenzo Bellini, Franz Liszt, solo per ricordarne alcuni, che nella quiete del nostro parco traevano ispirazione.
È pertanto naturale che la Villa ospiti, ancora una volta, i concerti organizzati in collaborazione con il Circolo Vincenzo Bellini.
La musica farà anche da sottofondo agli spettacoli estivi di Villa d'Este, che si terranno nella splendida cornice dei suoi giardini.
Villa Carlotta (Tremezzina, CO)
Sulla sponda occidentale del Lago di Como, incastonata tra alte montagne e scorci mozzafiato su Bellagio, sorge Villa Carlotta. La Villa e il suo straordinario parco occupano una superficie di circa 70.000 mq, Fatta edificare nel 1690 dal banchiere milanese Giorgio Clerici, nel 1795 passò nelle mani dell'imprenditore e collezionista Giambattista Sommariva che l'arricchì di capolavori, ancora ammirabili,di Canova, Thorvaldsen e Hayez.
A seguito delle vicissitudini che colpirono la famiglia Sommariva, nel 1844 la villa di Tremezzo venne ceduta, con quel poco che rimaneva della celebre raccolta d'arte ottocentesca, alla principessa Marianna di Nassau, moglie del principe Alberto di Prussia e poi da loro donata . alla figlia Carlotta in occasione delle nozze con il principe ereditario di Sassonia Meiningen, il duca Giorgio II. Un matrimonio sugellato dall'amore di entrambi per le arti in generale e per la musica in particolare.
Oggi il ricco cartellone estivo della Villa, in omaggio alla principessa Carlotta, si arricchisce di iniziative culturali. La Villa è uno dei luoghi del noto Lake Como Festival che anima il Lago di Como ogni anno da fine aprile a fine agosto. A questa iniziativa prevalente si affiancano altri momenti in cui la musica fa da protagonista in uno scenario incantevole.
Villa Arconati-FAR (Castellazzo di Bollate, MI)
Compie trent'anni il Festival di Villa Arconati che si propone come luogo privilegiato di musica da ascoltare e vivere, non solo come pura esibizione sonora ma come evento performativo ed esperienziale che prende vita nell'ambientazione unica e suggestiva della Villa e dei giardini storici. Un contenitore di idee, suggestioni estetiche e rappresentazioni live in cui musica e arte si aprono a momenti di festa e contaminazione.
Un Festival iniziato molto tempo fa, quando questo luogo era ancora la “casa di Donna Beatrice”, una casa bellissima ma chiusa e inaccessibile.
Villa della Porto Bozzolo - FAI (Casalzuigno, VA)
Dimora di campagna cinquecentesca dei Della Porta, fu rinnovata, nel Settecento, in occasione delle nozze tra Giovan Angelo III Della Porta e la contessa milanese Isabella Giulini che qui vi stabilirono la loro residenza estiva. Nell'Ottocento fu salvata dal senatore Camillo Bozzolo che vi ha lasciato ricordi di famiglia e una ricca biblioteca ed oggi, grazie anche al recupero operato dal FAI, è tornata al suo antico splendore. All'interno la Villa conserva la sua struttura articolata in saloni e salottini, gallerie e camere da letto dai vivaci affreschii in stile rococò. All'esterno il giardino all'italiana disegnato dal pittore e ingegnere Antonio Maria Porani, rompe con gli schemi classici di progettazione, secondo cui il giardino doveva risultare in asse con i saloni principali, per realizzarsi su diversi livelli, quattro grandi terrazze collegate da una maestosa scalinata con balaustre, statue e fontane in pietra di Viggiù.

Per vivere l'emozione di questo giardino in musica l'occasione da non perdere è sabato 21 luglio, quando i cancelli della Villa si apriranno eccezionalmente al tramonto per una serata musicale sulle note di Mozart, Beethoven, Verdi, Ibert, Milhaud, Flegier.
Giardini di Castel Trauttmansdorff (Merano, BZ)
I Giardini, estesi a digradare su una superficie complessiva di 12 ettari, riuniscono in un anfiteatro naturale paesaggi esotici e mediterranei, vedute mozzafiato sugli scenari montani circostanti e su una Kurstadt Merano baciata dal sole. In più di 80 ambienti botanici prosperano e fioriscono piante da tutto il mondo. I Giardini ospitano attrazioni sorprendenti, quali 10 padiglioni a tema, la piattaforma panoramica Il Binocolo di Matteo Thun e la Voliera, la Grotta e il Regno sotterraneo delle piante.
Da qui passa il 14 giugno il WORLD MUSIC FESTIVAL con il concerto APOCALYPTICA con inizio alle ore 21.00
Arte Sella (Borgo Valsugana, TN)
Il Teatro Naturale di Arte Sella, un teatro “vegetale” all'aperto, ricavato al centro di un bosco e costruito con i soli legni del Trentino, ospita ciclicamente concerti open air. La stagione musicale inizia a giugno, prosegue in agosto con il concerto I suoni delle Dolomiti - Intanto si suona (venerdì 31 agosto, ore 17.00) e si chiude in dicembre con Fucina Bianca (29 dicembre).
Arte Sella: the contemporary mountain è un processo creativo unico, che nell'arco di un cammino trentennale ha visto incontrarsi linguaggi artistici, sensibilità e ispirazioni diversi accomunati dal desiderio di intessere, in un fecondo e continuo dialogo tra la creatività e il mondo naturale.
Il percorso di visita inizia da Villa Strobele, dalla quale si accede al Percorso ArteNatura, luogo di nascita di Arte Sella, e si snoda lungo una strada forestale liberamente accessibile nel quale è possibile ammirare diverse opere. Il tragitto si estende per circa tre chilometri sul versante del monte Armentera.
Un secondo percorso si trova, invece, al termine della Val di Sella, nell'Area di Malga Costa. Questo edificio, un tempo sede di pastorizia nella stagione estiva, è diventato un centro culturale permanente, ospitando esposizioni, eventi, incontri e laboratori didattici. Nell'area circostante la Malga è visitabile un secondo percorso, a pagamento, che si snoda su un tragitto ad anello di circa un chilometro. Questo secondo percorso presenta alcune tra le opere più grandi della storia del parco ed è qui che si trova il Teatro Naturale, un luogo ideale per meditare, attraverso il suono, sul rapporto, non sempre risolto, che ci lega agli elementi della natura.
Parco delle Terme di Levico (Levico Terme, TN)
Nel ricco cartellone estivo che anima le giornate estive del Parco di Levico Terme, musica, arte e botanica sono i protagonisti. Vivere il Parco 2018 è la manifestazione estiva del più importante Parco storico della Provincia di Trento che si caratterizza per una serie di inziative ed eventi ideati per far conoscere la bellezza del suo patrimonio botanico.

Nelle calde sere estive la musica è protagonista presso l'installazione ''sequoia'' o nell'anfiteatro naturale dove si terranno, dal 27 giugno al 4 settembre, una serie di concerti pensati per portare i suoni fra gli alberi ed i fiori del parco, dove la musica viene proposta in piena sintonia con l'ambiente naturale circostante.
Parco Giardino Sigurtà (Valeggio sul Mincio, VR)
Nella magnifica cornice del Parco Giardino Sigurtà il 13 agosto si danno appuntamento cantanti ed artisti di fama mondiale che, accompagnati dall'Orchestra Filarmonica di Verona, daranno il via alla nona edizione di uno degli eventi più rappresentativi del Parco: Stelle della Lirica.
Il Parco Giardino Sigurtà nacque quasi per caso per volere dell'industriale farmaceutico Carlo Sigurtà, che si recò nel 1941, in piena guerra, a Valeggio sul Mincio con l'intento di comprare una carrozza. Durante la permanenza nel paese che sorge sulle rive del Mincio, l'imprenditore si innamorò di una tenuta agricola di 60 ettari e, spinto dall'impulso, l'acquistò. Grazie ad un antico diritto di prelevare l'acqua dal Mincio, il Sig. Sigurtà insieme al nipote Enzo riuscì negli anni a fare del Parco un tesoro botanico di impareggiabile bellezza, che continua ad essere preservato con cura e passione dai suoi figli, Giuseppe e Magda Inga Sigurtà.
Oggi il Parco Giardino Sigurtà è uno scrigno botanico tra i più amati d'Italia che vanta tutto l'anno mirabili fioriture e straordinari punti di interesse come il famoso Viale delle Rose con 30.000 rose rifiorenti, il Labirinto che ospita 1500 esemplari di tasso. Ed ancora: la Grande Quercia, le 50 varietà di piante annuali che colorano il Viale delle Aiuole Fiorite, centinaia di ninfee multicolore, l'Eremo e il Castelletto, memoria storica di prestigiosi incontri tra scienziati e premi Nobel come Gerhard Domagk, Alexander Fleming, Selman A. Waksman, Konrad Lorenz e Albert B. Sabin. In prossimità di questa zona del Parco è stata di recente inaugurata la Panchina degli Innamorati.

Palazzo di Varignana (Varignana, BO)
Ogni anno Il Palazzo di Varignana ospita il Varignana Music Festival. L'edizione corrente, la quinta, si terrà dal 6 al 15 Luglio. Rinomato come il primo festival estivo della scena bolognese dedicato alla musica classica, il Varignana Music Festival si presenta come un progetto di raffinato valore artistico declinato con un format originale per avvicinare il pubblico ai migliori interpreti internazionali sotto le stelle nella magica cornice del Resort. Il Festival è organizzato in collaborazione con la Fondazione Musica Insieme.

Palazzo di Varignana è un' elegante e prestigiosa villa del '700 adagiata nello scenario della campagna emiliana, abbracciata da un giardino, che si estende su una superficie di tre ettari, nato su progetto del paesaggista Antonio Perazzi. Questi disegnando muretti, terrazze, scale, fontane e una maestosa piscina, ha creato dal nulla un giardino in cui campagna, natura e tratti formali si fondono con irresistibile spontaneità. Di notevole interesse la collezione di querce creata dall'architetto. Qui se ne contano ben 100 esemplari di 76 specie diverse, che costituiscono uno dei patrimoni arborei più importanti in Italia. Passeggiando nel giardino, immerso nella bucolica campagna emiliana, si possono ammirare siepi di ginkgo biloba, carpini, ciliegi e il suggestivo labirinto vegetale, dove siepi di ilatro (arbusto sempreverde) si sovrappongono al frutteto esistente.


Palazzo Fantini (Tredozio, FC)
Ogni estate le corti e il giardino di Palazzo Fantini ospitano manifestazioni culturali di vario genere. Da qui passa dal 10 giugno al 21 luglio la decima edizione di Saxart Festival 2018 che ospita domenica 10 giugno l'evento inaugurale con Jazz Tango, un incontro tra musica e parole in cui Pablo Ziegler racconterà la sua carriera artistica, parlando di Astor Piazzolla e dell'Argentina, del tango e dei suoi incontri con il jazz, dei riconoscimenti internazionali e del suo rapporto con la voce del sassofono. Al termine della serata Ziegler riceverà anche il Premio alla Carriera “SaxArts Festival 2018”.

L'elegante, ma severissima facciata settecentesca di Palazzo Fantini, non lascia presagire la bellezza segreta del giardino. Dalla strada nessun indizio; dopo il portale a volta la prima corte accoglie con un gioco di bossi intagliati, salvia splendens e una vasca con piante acquatiche. D'intorno gli ingressi privati e una serie di edifici un tempo pertinenze agricole.
Il giardino all'italiana, sopraelevato rispetto al piano della casa, è accessibile solo da una gradinata lungo un'ampia muratura di sostegno.Parco e giardino all'italiana sono un gioiello di notevole fascino. La parte allestita a parco ospita specie ricorrenti nei grandi giardini paesaggistici italiani: oltre a lecci, ippocastani, tigli, pioppi bianchi, agrifogli, fanno bella mostra di sé conifere come Abies pinsapo, Pinus nigra e soprattutto maestosi cedri (Cedrus libani, C. deodara e C. atlantica)
Giardino Bardini (Firenze)
La storia del Giardino Bardini è la storia di una parte di Firenze: quattro ettari di bosco, giardino e orto frutteto a contatto con le mura medievali della città, tra Costa San Giorgio e Borgo San Niccolò. Stefano Bardini lo definisce il “Giardino dei tre giardini”, per via delle tre anime che convivono nel tempo - il bosco all'inglese, il parco agricolo e la scalinata barocca - e danno vita un'eclettica stratigrafia di usi e gusti, di mode e utilizzi. Ed è proprio la scalinata barocca la parte più scenografica del Giardino che accompagna il visitatore fino al rondò belvedere su Firenze.

Al giardino si affianca la Villa Bardini, restaurata e aperta al pubblico grazie all'impegno economico sostenuto dall'Ente Cassa di Risparmio di Firenze, attraverso la Fondazione Parchi Monumentali Bardini e Peyron.

Oggi Villa Bardini è un luogo dove convivono tante anime: arte, natura, moda, cultura, divertimento e musica.
Ricco il cartellone degli eventi musicali che animano il Festival del Maggio Fiorentino – Concerti nei musei in programma dal 5 maggio al 13 luglio a Villa Bardini.






Villa San Michele (Capri, NA)
Sul promontorio di Anacapri, l'altopiano più famoso dell'Isola e quello in cui ancora oggi si respira l'immagine cinematografica della “dolce vita” di Capri, si erge la Casa Museo di Axel Munthe, Villa San Michele, un gioiello di arte e di botanica, dalla quale si ha una vista mozzafiato sul Golfo di Napoli.

L'isola, che insieme alla vicina Ischia si contende lo scettro di regina del golfo partenopeo, è un'esplosione di colori, suoni e profumi che merita di essere vissuta almeno una volta nella vita.
La Villa salì agli onori dopo la pubblicazione e il successo nel 1929 del libro La Storia di San Michele. Da allora la Casa del medico di corte e scrittore Axel Munthe ha aperto i cancelli al pubblico per non richiuderli più.

Questa l'incantevole cornice in cui d'estate è ospitata la kermesse Concerti al tramonto. L'appuntamento è ogni venerdì dal 15 giugno al 14 settembre alle ore 20. I concerti si svolgeranno in cappella o in terrazza dove la musica riecheggerà per tutta la notte regalando al visitatore emozioni senza tempo. Apre la stagione concertistica venerdì 15 settembre il Quartetto d'Archi del Teatro di San Carlo, mentre il gran finale è in programma per venerdì 14 ottobre con l'esibizione musicale di Musiche della tradizione svedese e napoletana.





Giardini La Mortella (Ischia, NA)
Tre sono le stagioni concertistiche che animano durante l'anno i Giardini La Mortella: in Primavera e in Autunno i recital di Musica da camera, che si tengono ogni sabato e domenica nella Sala Recite; in Estate il Festival per le orchestre giovanili, con concerti di Musica Sinfonica, che si svolgono il Giovedì sera nel Teatro Greco. Questi concerti, che vedono sempre impegnati musicisti giovani (età massima 32 anni), danno seguito alla volontà espressa da William Walton, che La Mortella potesse aiutare i giovani talenti a spiccare il volo.
Forìo d'Ischia, il più grande tra i sei comuni dell'Isola d'Ischia, si estende tra il promontorio di Punta Caruso (località Zaro) e Punta Imperatore, oggi è rinomata meta turistica per i bagni termali e per i Giardini La Mortella, nati per amore e per passione di Lady Walton, a ricordo perenne di Sir William Walton, uno dei più importanti compositori inglesi del Novecento.
Nel 1956 Lady Walton chiamò il famoso architetto paesaggista Russell Page perché disegnasse l'impianto originario del giardino integrandolo fra le pittoresche formazioni rocciose di origine vulcanica. I Giardini La Mortella sono divisi due parti: un giardino più basso, nella Valle, ed un giardino superiore sulla Collina terrazzato con muri a secco. Si estendeno su di un'area di circa 2 ettari ed ospitano una vastissima raccolta di piante esotiche e rare, che viene arricchita di anno in anno; per varietà e ricchezza delle collezioni La Mortella può essere considerata alla stregua di un orto botanico.
I giardini furono aperti al pubblico nel 1991 per volontà di Lady Walton, creando la Fondazione William Walton che ha tra i suoi principi fondanti la promozione della cultura della musica e la cura del giardino.
Giardino di Casa Pennisi (Acireale, CT)
In agosto torna Villa Pennisi in Musica, un evento unico nel suo genere che coniuga la grande musica con l'architettura, il design e l'eco-sostenibilità.
Villa Pennisi in Musica è sia un International Summer School, nella quale sono affrontati tutti gli aspetti relativi alla formazione dei futuri professionisti del live performing, sia un Festival di Musica.

Nella splendida cornice del Giardino di Casa Pennisi ad Acireale, vicino Catania, si impara a progettare e a mettere in scena un evento live di musica classica dalla creazione della macchina scenica, all'illuminazione fino alla preparazione degli artisti che daranno vita alle performances.

Il Giardino di Casa Pennisi è uno dei pochi giardini antichi che hanno resistito agli assalti della speculazione edilizia: è situato nel cuore di Acireale, dove è stato impiantato alla fine dell'ottocento, a fare da sfondo e da cornice al prestigioso Grand Hotel des Bains: struttura costruita dall'architetto fiorentino Mariano Falcini per ospitare, in un contesto di armoniosa bellezza, i clienti delle contemporanee Terme di Santa Venera, ma presso cui sostarono anche i Reali d'Italia e Wagner.
L'incarico di disegnare il giardino fu affidato allo stesso architetto il quale volle imprimergli un impianto classico, con percorsi delimitati da alte siepi di bosso e grandi aiuole, ma volle pure inserirvi le piante di origine tropicale che ancora vi si possono ammirare; senza trascurare tuttavia essenze tipicamente mediterranee, che creassero, insieme alle prime, un insieme particolarmente attraente e pieno di fascino.




Iscriviti alla nostra newsletter

Termini e condizioni

Iscrizione alla Newsletter

54.156.39.245 - Fri Oct 19 17:47:11 2018 (UTC Time)
Privacy Policy